Utente 120XXX
Salve,
sono un utente che già tempo addietro vi ha chiesto un consulto a riguardo e che purtroppo per varii problemi(soprattutto lavorativi) si è trascurato.
Come si evince dal titolo,purtroppo ho avuto a che fare con un medico poco attento al problema e mi ritrovo con un testicolo ipotrofico(non atrofico perchè non è quasi inesistente ma esiste solo che è circa il 30-40% in meno all'altro.....almeno al tatto)
Vorrei che voi mi diceste se nel 2008 esiste un esame(il mio medico di famiglia dice di no ma io prima o poi lo cambio.....anzi subito) che mi dia la certezza sul funzionamento o meno del mio testicolo più piccolo ed in quale misura.
10 anni fa ho fatto uno spermiogramma(sicuramente da ripetere ora) in cui era scritto che:

Aspetto: lasttescente
Odore: normale
Viscosità: iperviscoso
Ph: 8,3
Colore: bianco/giallastro
Volume: 2,0 cc
Numero Sperm. 50ml pari a 100 per eiaculato
Cellule rotonde: 3
Cellule epiteliali: 3 X HPF
Leucociti: 7X HPF
Emazie: 3X HPF
Cristalli: 3X HPF

Motilità:
Dopo 60 min.: 63%
Dopo 90 min.: 54%
Motilità tipica: 55%(rettilinea-progressiva); Discinetica(sul posto) 8%
Eosin test: 60%
Morfologia:
Normali : 82%
Forme anormali : 18%
Anomalia testa:10%
Anomalia Tratto intermedio:6%
Anomalia coda:2%

Conclusioni:Esame ben compensato per numero di spermatozoi
Presenza di indici di floglosi (aumento del Ph,del numero di leucociti).Ridotta la vitalità e la motilità dei nemaspermi.

Spermicultura: si sviluppano colonie di Proteus mirabilis ed Enterococcus Faecalis.

Attualmente io cosa devo fare?Sareste in grado di consigliarmi un buon medico,reparto,ospedale a Napoli dove posso effettuare con cura i dovuti controlli?
Grazie infinite

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,
non cambi inutilmente il suo medico di medicina generale.Ha ragione, non esistono a tutt'oggi indagini non invasive capaci di fare una attenta valutazione del testicolo ipotrofico.
Per le altre questioni da lei sollevate ripeta l'esame del liquido seminale con una valutazione colturale completa e poi consulti, senza perdere altro tempo, un andrologo esperto in patologia della riproduzione umana.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org

[#2] dopo  
Dr. Sergio Longhi
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
Ci tenga informati della visita e degli esami. Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Comunque ,se nel frattempo desidera avere più informazioni su questo tipo di tematiche può anche leggere il manuale , scritto dalla ginecologa Elisabetta Chelo, "Quando i figli non arrivano" , CIC edizioni internazionali , Roma oppure il bel libro di Pier Luigi Righetti e Serena Luisi "La procreazione assistita" Bollatti Boringhieri Editore, Torino.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org


[#4] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
il problema di capire se il testicolo che Lei definisce "ipotrofico" funzioni o meno è un problema fittizio. Il Suo liquido seminale è buono, addirittura fin troppo buono...dove sta l'astenozoospermia?Probabilmente anche la Sua funzione produttiva ormonale lo sarà (ma è da verificare!). Segno che il testicolo controlaterale, quello sano per intenderci, funziona in maniera perfetta, vicariando anche la funzione di quello cosiddetto ipotrofico. Cosiddetto...perchè non abbiamo dati obbiettivi chiaramente. Esiste di certo uno stato flogistico della via seminale. Ma il problema reale è invece un altro e cioè quello di monitorizzare la morfologia strutturale del testicolo ipotrofico. In questo si che esiste un esame strumentale in grado di aiutarci e mi riferisco all'esame ecografico integrato dal quello flussimetrico.
Si rivolga agli ambulatori di un Centro qualificato Andrologico Universitario od Ospedaliero della Sua città, non ne mancano. Ma non trascuri il problema.
Ci tenga informati dell’evoluzione del storia clinica, se lo desidera.
Auguri affettuosi per tutto ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice ,
comunque anche una attenta valutazione morfologica del testicolo "ipotrofico" non ci dà nessun indicazione certa di come "funziona" e in questo senso ha ragione il suo medico di medicina generale. Altro discorso, e qui concordo con il collega Martino, è l'attendibilità dell'esame seminale fatto. Lo ripeta in un laboratorio dedicato che segue le indicazioni date dall'OMS.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org

[#6] dopo  
Utente 120XXX

Iscritto dal 2006
Sicuramente quello che mi dice un pò rincuorante lo è.
Un pò nervoso per questa lo sono,molti organi sono simmetrici,non asimmetrici.
Dovrebbero cancellare dagli albi professionali i medici che commettono tali errori(cioè quello di trascurare ed essere negligenti con casi di criptorchidismo o provvedere solo con la terapia medica all'età di 9-10 anni).

Andando oltre e non toccando questo tasto,credo che la motilità degli spermatozoi sicuramente sia migliorata causa infezione nel vecchio spermiogramma poi curata quindi un pochettino ottimista lo sono.
Sono inoltre preoccupato per la struttura del testicolo sinistro, ho paura di un possibile cancro a cui potrei andare incontro con l'età,pertanto già dalla settimana prossima ho intenzione di contattare uno specialista.Inoltre(su questo sono sicuro)un testicolo ipotrofico non può essere funzionante,ma ho una forte curiosità di capire per la prima volta nella mia vita che cavolo è successo alla sua struttura e in che condizioni sta.
Grazie a tutti


[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
a questo punto, fatta la valutazione andrologica, ci aggiorni se lo desidera.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#8] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
concordo con quanto Lei ha intuito e deciso. Meglio tardi che mai.
Ci tenga informati dell’evoluzione del storia clinica, se lo desidera.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#9] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
sono daccordo nella necessita di una valutazione andrologica