Utente 506XXX
salve a tutti.
nel 2004, per pura casualità,abbiamo scoperto che mia sorella (22 anni) aveva il valore della glicemia a 160 prima del pasto serale.
da quel giorno ha iniziato a fare accertamenti ed inziò una terapia insulinica da lei non sopportata,le causava ipoglicemia.
successivamente sostituimmo l'insulina con la pillola.
inizialmente usava novonorm da 5mg 2 volte al giorno, ma il suo diabetologo preferi cambiarla (poichè dalle analisi risultavano alterate le transaminasi e con le relative indagini (ecografia, analisi epatite) dall'esito negativo), con amaryl da 2mg metà al giorno, in attesa di nuovi controlli della transaminasi.
il suo quadro clinico è buono, i valori della glicemia sono nella norma (80-130) seguendo una dieta pesando carboidrati e frutta e facendo una lieve attività fisica (brevi passeggiate).
attualmente, dopo tre anni, non abbiamo ancora una diagnosi precisa, chi parla di "modi",chi di diabete di tipo II, chi ipotizza il futuro sviluppo della sua attuale patologia in diabete, chi parla di una patologia congenita.
ora vorrei sapere cosa bisognerebbe fare per avere una diagnosi completa.
voi cosa ne pensate di questo breve quadro clinico?
ringrazio anticipatamente coloro i quali mi risponderanno.
ps effettua analisi ogni due mesi ed il controllo della glicemia quotidianamente.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Gerardo Tropiano
24% attività
0% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
il riscontro di almeno due glicemie a digiuno maggiori di 125mg/100ml
permette di diagnosticare il diabete mellito,stabilita la diagnosi in base a valori degli esami di laboratorio, i sintomi e le modalità di presentazione degli stessi, l'età si può stabilire il tipo di diabete (tipo 1 e tipo 2 di cui fa parte il mody).In base agli elementi riportati mi sembra di capire che sua sorella con terapia dietetica ed amaryl è in una fase di compenso metabolico, pertanto potrebbe avere un diabete mellito definito mody.Naturalmente questa è una ipotesi a distanza senza prendere visione di tutti gli accertamenti clinici, e senza raccogliere direttamente gli elementi clinico-anamnestici necessari per una diagnosi corretta.
[#2] dopo  
Utente 506XXX

Iscritto dal 2007
anche se in ritardo, la ringrazio per la risposta e le auguro un buon anno.