Utente 219XXX
Sono sposato dal 1989 con mia moglie e abbiamo un figlio biologico di 14 anni e una figlia di 7 anni in adozione dal 2010. Nei rapporti sessuali fino ai 45 anni non ho avuto grandi problemi, anche se nelle prime esperienze giovanili tendevo all'eiaculazione precoce, poi quasi scomparsa in seguito. Da qualche anno accuso questo sintomo insieme a difficoltà erettive, e ciò ha causato un diradamento dei rapporti sessuali, insieme a problemi di stress e ansia legati ad essi. Con mia moglie c'è un'intesa tale che il nostro legame affettivo non ha subito danni, comunque soprattutto io da bravo maschietto sento il problema. Ho provato il Viagra ma non mi dà risultati diversi da quelli che ho senza prenderlo. Faccio presente che ai problemi erettivi si associa in genere una tachicardia simile a quella che si innesca per l'ansia da prestazione. Ultimamente abbiamo constatato che nei rapporti senza penetrazione (masturbazione) non ho problemi nè di erezione nè di eiaculazione precoce, raggiungendo anche un orgasmo soddisfacente: questo fattore unito ai risultati negativi delle analisi specifiche eseguite su consiglio del mio medico mi ha convinto che non ci dovrebbe essere nulla di fisiologico. Grazie per i consigli che riceverò.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Si è già fatto la diagnosi da solo,complimenti.La sua problematica sembra essere soltanto psicologica,legata ad un'ansia da prestazione che,nonostante la bella intesa con sua moglie,lei avverte da maschietto qual'è.E l'eiaculazione precoce pregressa,poi scomparsa,rafforza questa tesi.Cerchi di ritrovare un sano equilibrio di coppia e non si vergogni di ricorrere ad un counseling psicosessuologico,se necessario.
[#2] dopo  
Utente 219XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta, avevo pensato di rivolgermi ad uno specialista psicosessuologico, mi premeva però escludere nettamente l'aspetto fisiologico. Quali sono gli esami che consiglia l'Andrologo per arrivare ad una diagnosi? Ho eseguito delle analisi del sangue su consiglio del mio medico di famiglia sul livello di testosterone ecc. e sono nella norma, per completezza le scrivo qui di seguito i risultati:

Emoglobina Glicosilata: 4,9 v.n. 4,0 - 6,0
Lattico Deidrogenasi: 450 v.n. 313 - 618
PSA: 1,10 v.n. 0 - 4,00
TSH siero: 1,8 v.n. 0,4 - 4,0
Testosterone siero: 8,1 v.n. 3 - 9
Diidrotestosterone DHT 1,70 v.n. 0,16 - 2,0

Un cordiale saluto

[#3] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Potrebbe essere utile eseguire un ecocolordoppler dinamico per verificare la dinamica vascolare peniena.Ma si rivolga direttamente ad un Andrologo per un inquadramento completo.
[#4] dopo  
Utente 219XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta
un cordiale saluto