Utente 220XXX
Salve sono un ragazzo di 22 anni con un problema...nei mesi scorsi a causa di un periodo di stress ho incentivato il numero delle masturbazioni (a volte anche tutti i giorni) per un paio di mesi...da un mese avverto dolore all'asta del pene...se lo tocco mi fa male e il dolore è sordo, si irradia quasi fino alla vescica...è successo che un mese fa il giorno dopo la masturbazione avevo problemi ad urinare ma non mi bruciava era come se il flusso di urina fosse trattenuto e faceva uscire poche gocce...il problema è rientrato dopo 2-3 giorni poi dopo un'altra masturbazione di nuovo al mattino dopo non riuscivo ad urinare bene e dolore all'asta del pene...ho fatto urinocoltura, analisi del psa e azotemia....tutti negativi! alla visita urologica mi è stata riscontrata una uretrite e balanopostite perchè l'uretra era arrossata e inoltre ho difficoltà a scoprire il glande anche se in realtà ho sempre avuto una leggera fimosi che ora si è accentuata ...10 giorni di antibiotici e detergente intimo tutti i giorni...l'uretrite sembra migliorata ma ieri sera dopo 2 settimana mi sono masturbato non avendo più dolore anche se x avere l'erezione ci ho messo un pò ma forse ero agitato o in ansia però ci sono riuscito! oggi di nuovo dolore all'asta del pene come sopra descritto e difficoltà nell'urinare tanto che sono costretto ad andare spesso perchè non la svuoto bene...tutto ciò mi sta innervosendo terribilmente perchè è un periodo delicato...sto sotto tesi, devo dare l'ultimo esame e questo problema mi preoccupa un sacco :( cosa sarà mai?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,a naso,mi sembra che il problema possa restringersi ad uno stato ansiogeno che,spesso,porta ad un accanimento masturbatorio.La negativita' degli esami eseguiti tranquillizza ma evidenzia come siano il frutto di una iniziativa personale e non di uno specialista,cui La rimando.Cordialita'.
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Caro utente non si preoccupi non e' nulla di grave e' normale che dopo la masturbazione ci sia un po ' di irritazione prostatica ovviamente e' consigliabile fare una visita urologica
[#3] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
Il dolore al pene potrebbe essere,in assenza di alterazioni palpabili dell'asta,una proiezione dalla prostata che,stando alla descrizione dei suoi disturbi,dovrebbe essere quanto meno congesta,se non coinvolta in un processo infettivo che sembra interessare anche l'uretra.Adesso,a sufficiente distanza dal termine della terapia antibiotica,chieda al suo andrologo di fare indagini batteriologiche del liquido seminale e dell'essudato uretrale per una terapia mirata,possibilmente risolutiva.Ci tenga informati.
[#4] dopo  
Utente 220XXX

Iscritto dal 2011
salve a tutti...è passato un mese e purtroppo gli eventi non sono cambiati. il bisogno di urinare lo avverto spesso e avverto anche fastidio sul basso addome (non vescica) e sensazione di fastidio all'interno dell'ano come qualcosa che "spinge" e dolore all'asta del pene più o meno marcato ma solo se lo sforzo. quello che mi preoccupa è che avendo interrotto la pratica masturbativa per paura possa avere ulteriori problemi, non ho più erezioni frequenti specie al mattino ma credo sia una condizione psicologica questa dato vorrei stare bene! Ieri mattina mi sono svegliato "bagnato" con del liquido seminale fuoriuscito probabilmente perchè non masturbandomi più il corpo ha rimosso il liquido seminale "vecchio" (ho letto si chiamano "polluzioni") e ieri comunque sono stato molto meglio. Oggi ho provato a masturbarmi per "testare" stia effettivamente guarendo ma ho perso l'erezione e da allora ho un peso alla prostata terribile.
Il mio medico mi ha prescritto x altri 10 giorni l'antibiotico "levoxiacin" 1 volta al dì e domani termino la cura dopodichè devo contattarlo! Lo stress dei mesi scorsi è comunque diminuito quello che mi preoccupa è questo: quanto dura una prostatite? è normale a 22 anni abbia di questi problemi già? e soprattutto che dieta devo assumere x migliorare diciamo i fastidi? da premettere sono fumatore non assiduo, bevo pochissimi alcolici, bibite gassate solo a pranzo ma consumo molti dolci.
Vi ringrazio x la vostra disponibilità.
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...segua i consigli terapeutici del medico ma,contemporaneamente,esegua un'ecografia prostatica e delle vie seminali,nonche' delle logge renali.La prostite,una volta confermata la cronicizzazione,stenta a guarire ma non sara' la frequenza delle erezioni spontanee o la qualita' erettiva di una masturbazione indagatoria a verificarne clinicamente la guarigione...Eviti di mangiare cibi piccanti,insaccati,di bere superalcolici e ci aggiorni sull'esito degli esami,Cordialita'.
[#6] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
gentile utente, la prostatite è una patologia tipica della sua età come dett non si preoccupi ma segua attentamente i consigli del collega che la cura