Login | Registrati | Recupera password
0/0

Ciste prostatica

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2011

    Ciste prostatica

    Sono un ragazzo di 21 anni e ho una vita sessuale regolare. Qualche mese fa in un ecografia alla prostata mi hanno visto una piccola ciste, e dopo la visita, l'andrologo mi ha detto di non preoccuparmi che tutto era ok e la ciste era probabilmente causata da qualche sforzo. Ora a distanza di pochi mesi, inizio ad avere dei piccoli problemi, ora mi spiego. Qualche volta, quando supero i 2 rapporti al giorno, mi capita di sentire un dolorino nella zona addominale durante l'eiaculazione, come se lo sperma facesse fatica ad uscire, inoltre è piu denso del solito, ogni tanto sembra quasi grumoso.. inoltre, faccio molta fatica a controllare l'eiaculazione, già dopo pochi minuti sento il bisogno di eiaculare, non ai livelli di eiaculazione precoce ma poco ci manca, mentre prima non ho mai avuto questo genere di problema. volevo quindi sapere se questi problemi potrebbero essere causati da una piccola ciste, in attesa di risposta vi ringrazio, cordiali saluti..



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 218 Medico specialista in: Urologia
    Endocrinologia
    Chirurgia generale

    Perfezionato in:
    Andrologia

    Risponde dal
    2011
    Caro giovane, la cisti potrebbe essere una espressione infiammatoria. Anche la Sua recente storia lo fa pensare. Una visita andrologica mi pare quanto mai opportuna per chiarire la problematica. In particolare, la difficoltà a controllare l'eiaculazione (prima inesistente) indica spesso uno stato infiammatorio prostato-seminale, quindi, non lasci passare troppo tempo e si metta in contatto con uno specialista. Cordiali saluti


    Dr. Enrico Conti
    Specialista in Urologia, Andrologia e Chirurgia generale
    www.andrologiapertutti.com

  3. #3
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2011
    grazie mille per la risposta cosi veloce. sicuramente a breve andrò dallo specialista. Un ultima domanda, se il problema fosse proprio un'infiammazione, sarebbe facilmente risolvibile oppure la ciste se c'è, devo tenermela e quindi anche le conseguenze?



  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 218 Medico specialista in: Urologia
    Endocrinologia
    Chirurgia generale

    Perfezionato in:
    Andrologia

    Risponde dal
    2011
    L'infiammazione in sè è certamente curabile in modo appropriato. Le cisti prostatiche sono di varia natura: Per la maggior parte si tratta di cisti del tutto innocue, segno di infiammazione pregressa. In una minoranza di casi si tratta di cisti malformative che possono ostacolare l'emissione dello sperma. Un esperto andro-urologo, di solito è in grado ci distinguere prontamente tra le due tipologie. Ancora cordiali saluti


    Dr. Enrico Conti
    Specialista in Urologia, Andrologia e Chirurgia generale
    www.andrologiapertutti.com

  5. #5
    Indice di partecipazione al sito: 112 Medico specialista in: Andrologia
    Endocrinologia
    Urologia

    Risponde dal
    2011
    gentile lettore,


    concordo con il collega che mi ha preceduto...

    verifichi con lo specialista il percorso che le viene consigliato.
    già effettuando uno spermiogramma, si può capire valutare la qualità seminale e bilanciarla con la presenza della cisti.

    cordialità


    Prof. Giovanni Maria  Colpi

  6. #6
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2011
    Ringrazio entrambi Dottori per la risposte molto chiare, mi sento sollevato. In attesa di verificare la presenza di un infiammazione, sarebbe meglio non avere rapporti per non peggiorarla o non cambia nulla?
    ancora grazie mille..



  7. #7
    Indice di partecipazione al sito: 218 Medico specialista in: Urologia
    Endocrinologia
    Chirurgia generale

    Perfezionato in:
    Andrologia

    Risponde dal
    2011
    I rapporti sessuali sono ininfluenti, stia tranquillo. E' conveniente invece il profilattico, nell'ipotesi che possa esservi germi nello sperma. Cordiali saluti


    Dr. Enrico Conti
    Specialista in Urologia, Andrologia e Chirurgia generale
    www.andrologiapertutti.com

  8. #8
    Indice di partecipazione al sito: 5805 Medico specialista in: Urologia
    Patologia della riproduzione umana
    Andrologia

    Risponde dal
    2006
    Gentile lettore,

    oltre alle corrette indicazioni già ricevute dal collega Conti che mi ha preceduto, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

    http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200/le-malattie-della-prost .

    Un cordiale saluto.



    Giovanni Beretta M.D.
    http://www.andrologiamedica.org
    http://www.centrodemetra.com

Discussioni Simili

  1. Fivet e rapporti
    in Andrologia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07/09/2011, 14:53
  2. Cordone nello scroto
    in Andrologia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 30/09/2011, 22:22
  3. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 01/09/2011, 18:48
  4. Escrescenza sul pene
    in Andrologia
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 16/10/2011, 21:02
  5. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 20/07/2011, 17:51
ultima modifica:  17/11/2014 - 0,19        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896