Utente 993XXX
Gentili dottori,
ho 49 anni e porto gli occhiali da quando ne avevo 13, per la sola visione da lontano. La correzione è di -2 diottrie occhio sinistro e - 5 occhio destro. Una settimana fa ho fatto una visita oculistica, consigliata dal mio ottico, in quanto nell'effettuare una misurazione della vista, per cambiare una lente del mio occhiale, dato un lieve peggioramento nella visione a distanza, relativo all'occhio destro, in sede di visita oculistica è stato riscontrato che il peggioramento è dovuto ad una forma iniziale di cataratta nucleare. Il medico mi ha consigliato di non sostituire subito la lente con un'altra più forte di qualche diottria (la lente attuale apporta una correzione di 5 diottrie: 4,25 per miopia e 0,75 per astigmatismo) , ma, di rivederci tra tre quattro mesi e decidere. A questo punto mi pongo una serie di domande: E' normale che alla mia età si possa parlare di cataratta? Devo già sottopormi ad un intervento che di solito fanno le persone anziane? Quali rischi corro? Una volta rimosso il problema la cosa si potrebbe ripetere a distanza di anni?
Premetto che in famiglia non c'è familiarità di situazioni di cataratte non solo giovanili ma anche legate all'età
In attesa di un riscontro, vi saluto cordialmente e vi ringrazio anticipatamente
[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
Una cataratta nucleare o polare non e' infrequente anche alla nostra eta'!
Condivido la politica di attesa , verificando ogni 3 / 4 mesi l'evoluzione...
Quando il visus scenderà molto o la situazione si farà insostenibile
sostituiremo il cristallino, semmai con queste IOL multifocali
Che stanno avendo molto successo...
Per ora comunque continuiamo a controllare l'evoluzione...
[#2] dopo  
Utente 993XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Prof. Marino, mi scusi se ritorno sull'argomento però volevo conoscere se l'inserimento di un cristallino del tipo da Lei indicato comporterebbe delle situazioni di disagio per la visione sia da vicino, che da lontano o anche da medie distanze, cioè in sostanza se tutto potrebbe tornare come prima con un migliormanto anche del visus. Inoltre volevo conoscere anche se nell'immediato o con il tempo si potrebbero presentare situazioni di intolleranza nei confronti del nuovo corpo inserito nell'occhio.
La ringrazio di nuovo per la sua attenzione