Utente 224XXX
Salve, chido qui maggiori delucidazioni in base all'argomento che sto per esporvi.
Alla mia ragazza, nell'anno 2007, è stato diagnosticato un minimo rigurgito aortico dopo un esame di elettrocrdiogramma e un ecocardio. Di recente, sempre per visita di controllo, è stato eseguito un altro ecocardio ed è stata risontrata anche una insufficienza mitralica e tricuspidale. Lei dice che non è una cosa grave, e che il fumo della sigaretta non complica la sua situazione, ma la mia preoccupazione sorge da alcune manifestazioni strane come dolori frequenti che a volte lei manifestanella zona del petto, mal di testa continui, e ritmi dei battiti a volte molto accelerati. Ma non è tutto, poichè suo padre è stato operato al cuore 6 mesi fa circa, con un intervento di angioplastica e posizionamento di "stend" per un infarto. Premetto che mio suocero ha solo 50 anni e la mia ragazza ne ha 23 e non vorrei che i suoi problemi siano per di piu ereditari. c'è qualche controllo maggiore che si dovrebbe fare a riguardo? grazie in anticipo per il vostro tempo che dedicate a tutti noi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I piccolo rigurgito valvola come quelli che lei riporta sono di comune osservazione e non debbono creare preoccupazione. Semmai la sua ragazza deve smettere di fumare, perché il fumo è vero non peggiora le valvulopatie, ma olt a favorire le occlusioni coronariche come suo padre ha avuto, la espone seriamente a rischio di cancro. Le consigli di smettere. Oggi, non domani.
Arrivederci
Cecchini
www.cecchinicuore.org