Utente 225XXX
Buonasera,
mia figlia di tre anni quattro giorni fà ha subito quanto in oggetto durante la chiusura violenta di una porta interna. Il medico ritiene che, non essendo stato intaccato l'osso ed essendo lo stesso ricoperto da una parte seppur velatissima di carne, la sostanza molle persa si riformerà per seconda intenzione ed il dito tornerà come prima, testuali parole: "rimarrà solo un brutto ricordo". Dopo una semplice medicazione fatta il giorno dell'incidente, ieri avremmo dovuto farne un'altra,ma il medico dopo aver tolto le prime bende ha trovato quelle più prossime alla ferita attaccate alla stessa ed indurite dal sangue; ha ritenuto pertanto non dover toccare nulla per non interrompere il processo di granulazione e rimandare la medicazione a tre giorni, praticamente una settimana dall'incidente.
Dato che ci aveva parlato di frequenti medicazioni importanti in questo tipo di guarigione per evitare infenzioni e mantenere la parte "viva", mi chiedo se stiamo procedendo come dovremmo?
Inoltre, ritirne anche lei che con questa diagnosi si possa sperare per una completa guarigione estetica?
Grazie infinite per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

stia tranquilla: segua le indicazioni che il medico le ha dato.
A seconda della situazione locale, il medico decide di volta in volta in maniera elastica.

Il rischio di infezione è remoto, anche senza antibiotico (ma immagino che la bimba stia facendo una "copertura" antibiotica per profilassi).

Buona serata.
[#2] dopo  
Utente 225XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno dott. Leccese,

la ringrazio per la pronta risposta.
In effetti non è stato prescritto alcun antibiotico ma solo della tachipirina in caso di dolore, che per fortuna non c'è stato se non che nelle prime 12 ore.
Poi, mi scuso per la reiterazione della domanda -comprenderà l'ansia di un genitore- e mi rendo conto che senza vedere il dito può essere aleatorio dare una risposta in un senso o nell'altro, ma secondo la sua esperienza cosa ne pensa del recupero estetico della parte apicale? Possiamo veramente pensare che il dito tornerà come prima?

Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Per rispondere alla sua domanda dovrei aver visto la situazione direttamente.

In ogni caso, se il Collega ha usato con lei una espressione così tranquillizzante, evidentemente si sentiva tranquillo.

In genere, infatti, il medico non si sbilancia più di tanto: se in questo caso lo ha fatto, evidentemente c'è da stare tranquilli.

Buon pomeriggio.