Utente 178XXX
Preg.mo dottore, sono il padre di un bambino di anni 5 e mezzo, il quale è afflitto da sempre di rinite allergica in modo perenne per tutto l'anno, e continuamente o gli cola il naso oppure parla con il naso chiuso.
Nel 2009 fu sottoposto a prick test risultando essere allergico alla parietaria, fa sempre prevenzione non ottenendo risutati positivi.
E' stato visitato da un otorino, il quale non ritiene opportuno l'asportazione delle adenoidi dopo uno specifico esame in quanto non risultano occlusioni.
E' stato visitato da un oculista, il quale gli ha riscontrato congiuntivite allergica dandogli al bisogno (occhi arrossati) gocce di Tetramil monodose.
In questo momento, l'otorino gli ha dato come prevenzione la seguente cura: l'antistaminico formestin associato al Linfoflu per 2 mesi + lavaggi nasali (3 volte al dì) con spray acqua termale di Telese e, in caso, di peggioramento aerosol: 1 cc acqua di Telese (fisiologica) con flaconcino di Forbest (2 volte al dì) per 4 o 5 giorni.
Esiste eventualmente un vaccino cosi da poter desinsebilizzare la rinite allergica in quanto ho il timore che possa trasformarsi in asma ?
Le sarei grato di un Suo autorevolissimo consiglio e al momento La ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
La risposta alla domanda se esiste un vaccino è affermativa ( http://www.medicitalia.it/minforma/Allergologia-e-immunologia/380/Immunoterapia-specifica-vaccino-antiallergico ). Tale scelta terapeutica andrebbe però presa dopo una rivalutazione allergologica per stabilire se, dal 2009 ad oggi, non siano comparse nuove sensibilizzazioni allergiche (oltre alla parietaria); l'inizio dell'immunoterapia specifica andrà effettuata durante un periodo di quiescenza della sintomatologia ottenuta con la terapia farmacologica attualmente in atto e prima del prossimo periodo di pollinazione.
In merito all’età minima in cui intraprendere un trattamento immunoterapico specifico, non esistono delle indicazioni precise, anche se la maggior parte degli studi ha preso in considerazione proprio bambini di età simile a quella di suo figlio.
Cordiali saluti,