Utente 231XXX
Buongiorno,
ringraziando in anticipo,

15 giorni fa ho ricevuto un rapporto orale passivo non protetto da una prostituta, 2 giorni dopo ho riscontrato gioccioline di pus sui miei indumenti intimi ed un leggero bruciore nel frequente minzionare.

Il mio medico curante mi ha prescritto l'antibiotico "augmentin amoxicillina acido clauvanico" che ho preso 2 volte al giorno per 6 giorni. I sintomi sopraindicati sono svaniti già nel primo giorno di antibiotici.

Dopo 5 giorni dall'ultima assunzione dell'antibiotico, cominciando dal dorso delle mani mi sono riempito nell'arco di una notte di una forte eruzione cutanea caratterizzata da macchiette rosastre non ben definite, leggero mal di gola e febbre a 37.5

Il medico dopo avermi visitato mi ha prescritto "Bentelan 1mg" da prendere 2volte x4giorni e 1volta al g.x4g. ed esami emocromo VES PCR creatinina HIV e tampone faringeo per streptococco

E' possibile che l'antibiotico abbia creato a 5 giorni dall'ultima dose una reazione così forte?

Perchè le mie preoccupazioni sono che si tratti di sintomi da virus HIV o epatite, inoltre è affidabile il test HIV a 15giorni dalla presunta esposizione?

Saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
la metodologia clinica in questi casi suggerirebbe.
-la visita con esame obiettivo accurato, magari da parte di uno specialista(dermovenerelogo, urologo) se il medico curante lo ritenesse .
-una diagnostica precisa, che comprende una serie di esami specifici, volti ad individuare la eziologia (cioè le cause) della manifestazione , dei sintomi accusati. E fatta ai momenti giusti.
-la NON somministrazione di farmaci che possano mascherare il quadro o che , peggio, siano dati senza razionale alcuno, potendo alla fine risultare controindicati.
-E' importante che la terapia sia conseguenza della diagnosi, e che la segua.
Essa deve avere caratteristiche di efficacia , razionalità, congruità.
Anche la diagnostica richiesta deve avere le stesse caratteristiche.
Quindi , dato che il suo rapporto è da considerare comunque a rischio, e dato che vi sono stati sintomi di uretrite, dopo un breve periodo, a cui non è seguito un tampone uretrale, e considerati altri rilievi, che avrà già fatto da solo, le consiglierei la rivalutazione dallo specialista.
Dermovenereologo.magari.
Cordialità