Utente 233XXX
Buona sera,
vorrei sentire il parere di un chirurgo in riferimento all'intervento effettuato su mia madre (72 anni - 90Kg.) ormai da 20 gg. Si è trattato della rimozione di un laparocele piuttosto grosso in zona addominale (dovuto a 2 tagli cesarei verticali avvenuti 40/50 anni fa) e alla rimozione di utero ed ovaie in quanto nella Tac eseguita prima dell'intervento si è scoperta la presenza di una massa di cui, ad oggi, non abbiamo risposte in merito alla sua natura.
Il problema che si presenta ora è che da una decina di giorni è comparsa una fuoriuscita di liquido giallognolo nella parte più bassa del taglio e giorno dopo giorno la cosa peggiora, tanto da dover rimuovere le garze e sostituirle 2/3 volte al giorno.
Questo liquido è inodore ma quando si accumula e poi esce brucia moltissimo.
I medici che hanno medicato la ferita 4 giorni fa dicono che è normale e hanno tolto un punto in modo che il liquido possa uscire meglio e quindi sfogarsi di più. Ad oggi non hanno ancora tolto gli altri punti, ma quello che mi preoccupa è questo liquido che esce, e vorrei avere il vostro parere al riguardo.
Aggiungo che non ha febbre.
Ringrazio fin d'ora chi potrà darmi risposta.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile signora la cosa più probabile è che si tratti di una fuoriuscita di siero se il liquido è giallo e trasparente. In tal caso non è assolutamente una cosa preoccupante e nel breve periodo diminuirà fino a scomparire. Il fatto che non abbia febbre fa proprio pensare ad una ipotesi di quel genere.
[#2] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Se la riparazione del laparocele è stata effettuata con il posizionamento di una mesh(rete),probabilmente si tratta di un sieroma.Altrimenti è semplice lipolisi(distruzione di cellule adipose).Una medicazione compressiva potrebbe essere utile in entrambi i casi.
Saluti
[#3] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille per le risposte,
mi sento un pò più tranquilla.
Grazie ancora. Siete stati gentilissimi.

Buona serata
[#4] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
Buonasera,
oggi abbiamo avuto la risposta dell'esame istologico relativo all'intervento di cui sopra.
La risposta dice così:
Neoformazione totalmente necrotica che, per l'alternarsi di aree solide e cistiche (carcinoma sieroso G3 a verosimile origine peritoneale). Questo è quanto descritto ad un primo esame il giorno stesso dell'intervento.
C'è una successiva risposta datata due giorni dopo la cui diagnosi riporta la seguente descrizione:
Nodulo fibro-calcifico.
Cervicite cronica ghiandolare cistica con focale metaplasia piatta. Endometrio atrofico. Polipo endometriale ghiandolare cistico. Leiomiomi. Corpi lutei atresici delle ovaia. Salpingi indenni.
Carcinoma sieroso G3. L'assenza di neoplasia a livello uterino, ovarico e tubarico rendono il peritoneo la sede di origine più probabile della neoplasia.
Il chirurgo che ci ha consegnato le risposte consiglia a completamento dell'intervento eseguito un incontro con l'oncologo per ciclo di chemioterapia anche se in questo momento mia madre è da ritenersi "pulita".
Voi cosa ne pensate? Non sarebbe meglio procedere con i controlli periodici per tenere sotto controllo la cosa senza avvelenare con chemioterapie che io, nella mia ignoranza, non capisco cosa dovrebbero colpire dal momento che non ci sono più tracce di formazioni maligne?
Grazie a chi può rispondermi.
[#5] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente,la valutazione postoperatoria date parte dell'oncologo è la cosa più corretta.Il collega in base alla risposta istologica,stabilirà il protocollo da seguire anche in rapporto alle condizioni cliniche generali della paziente.Per quanto riguarda la sua domanda a proposito del bersaglio della chemioterapia,deve pensare che nonostante la radicalità dell'intervento chirurgico,potrebbero esistere cellule neoplastiche(invisibili) nel circolo ematico o linfatico su cui la chemio puo agire.Purtroppo in chirurgia oncologica si può parlare di radicalità chirurgica ma non biologica e pertanto la rimozione,anche se completa,potrebbe non essere sufficiente se non associata a terapia adiuvante postoperatoria.
Saluti ed auguri.