Utente 234XXX
Buonasera Dottore, volevo farle conoscere la mia situazione in quanto non si riesce a trovare una risposta e sia io che i miei genitori siamo preoccupati. Da circa 2 anni ho una tumefazione dolorante al 1/3 prossimale all'avambraccio sx. Ho fatto l'ecografia e le riporto di seguito quanto dice: "l'esame ecotomografico mirato allo studio della tumefazione clinicamente apprezzabile in corrispondenza del 1/3 prossimale dell'avambraccio sx, ha mostrato in un piano passante per le strutture muscolari, in sede superficiale, una formazione fusiforme iso-iperecogena solida con alcuni precipitati calcifici interni che misura mm38.56 x 27.81 x 8.48. Il reperto di non univoca interpretazione clinica potendo anche essere riferito ad una natura fibrolipomatosa merita anche in relazione all'ubicazione clinica di essere valutato mediante RM".
Dopodiche ho fatto subito la RM e la risposta è stata questa: "In relazione al quesito clinico l'esame documenta la presenza di una estesa alterazione morfostrutturale con margini irregolarmente policiclici localizzati in sede sottocutanea profonda e parzialmente nel contesto della regione muscolare superficiale delle strutture esterne dell'avambraccio. L'alterazione presenta uno sviluppo prossimo-distale di circa 8cm. Le caratteristiche di segnale. con diffusa iperintensità specie nella sequenza di saturazione del grasso e la morfologia serpiginosa farebbero propendere per una natura vascolare/linfatica del reperto (di tipo angiomatoso?). Appare necessaria rivalutazione clinica sulla modalità di insorgenza del dato e sue eventuali alterazioni analoghe in per altri segmenti del corpo. Si consiglia sorveglianza RM evolutiva a breve (2/4 mesi), salvo modificazioni rachide dei reperti: utile eseguire esame RM anche con scansione dopo infusione di mdc."
Il mio medico di famiglia mi ha detto di andare direttamente da un chirurgo e oggi ho fatto la visita, il chirurgo ha detto che non compete a lui ma ad un chirurgo plastico o vascolare (in quanto si tratta di muscolo) e mi ha consigliato di fare un doppler per capire realmente se si tratta di lipoma o di angioma. Lei cosa mi consiglia ??
Grazie anticipatamente per il suo aiuto.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Enrico Cappello
20% attività
0% attualità
8% socialità
VAIRANO PATENORA (CE)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2011
Gentile signora,
il quesito da lei posto, rispetto alle informazioni fornite, richiederebbe una valutazione di persona.
Il caso clinico non rientra in una patologia tipicamente vascolare. È sicuramente fondamentale l’esecuzione di un ecocolordoppler con studio dei flussi lenti. Questo permetterebbe di valutare se la tumefazione sia o meno vascolarizzata ed in particolare se trattasi di un angioma.
Per i risultati della risonanza e dell’ecografia, appare evidente, che si tratta di una massa non definibile con esami di diagnostica per immagini. Quello che lascia un po’ perplessi è la dimensione: 8cm o 8mm?
Nei casi come il suo,senza altre informazioni cliniche, in genere per ottenere una risposta sulla natura della formazione è necessaria una biopsia escissionale. In sostanza rimuovere la massa ed analizzarla per capire meglio.
Tengo a precisarle che il mio giudizio si basa esclusivamente sulle informazioni da lei fornite,quindi è manchevole di una attenta visita clinica.
Il mio consiglio è di rivolgersi ad un chirurgo di sua fiducia per ottenere risposte più precise.
[#2] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera Dottore e grazie per la sua risposta.
Oggi sono andata da un chirurgo vascolare per fare il doppler e il medico ha deciso di non farmelo, dicendo che secondo lui non si tratta di una tumefazione a livello vascolare. Mi ha fatto una visita e ha detto che la parte gli è sembrata poco vascolarizzata. Mi ha consigliato di fare una rm con mdc e poi in seguito vedere cosa fare.
Riguardo la sua perplessità la dimensione è proprio 8cm.
Con i mezzi di contrasto si capirà la natura di questa tumefazione?

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Enrico Cappello
20% attività
0% attualità
8% socialità
VAIRANO PATENORA (CE)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2011
gentile signora,
con l'esecuzione di una angio rm si capirà la vascolarizzazione della massa, visto il risultato della risonanza senza contrasto probabbilmente per capire la sua effettiva natura sarà necessaria una biopsia.
8cm è una dimensione considerevole per il braccio. ma in quanto tempo si è sviluppata?ha perso peso di recente?
rimane comunque la valutazione espressa nel precedente consulto.
le porgo i miei più cordiali saluti e mi tenga informato.
[#4] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dottore,
ho effettuato la risonanza magnetica con mezzo di contrasto e la risposta dice che è un angioma. Sto aspettando che mi chiamino per l'intervento (ancora non so se faranno l'embolizzazione o l'intervento chirurgico). Il radiologo interventista vuole visitarmi nuovamente prima del ricovero perchè dice che avendo visto le ecografie e risonanze che gli ho portato,non è convinto per l'embolizzazione.
L'avambraccio è molto dolorante nella zona della tumefazione e anche a metà tra l'avambraccio e il braccio non posso nemmeno sfiorare la pelle. Alcuni giorni è meno gonfio, ma altri è veramente intoccabile.
Secondo Lei ci vorrà l'intervento chirurgico?