Utente 237XXX
Salve,
4 giorni fa, lunedì, ho iniziato ad avere una serie di sintomi. Premetto che sono in curo da un osteopatia per dolori alla cervicale e che da adolescente avevo frequenti extrasistoli. Un semplice soffio.
Lunedì dopo la palestra ho inziato ad avere extrasistoli una dopo l'altra e a sentirmi strana.
La sera, mentre ero al computer, mi è partita una tensione forte dalla colonna all'altezza delle scapole e su per tutta la cervicale. Tutta le zona ha iniziato a pulsare forte, ho sentito calore salirmi per la faccia, non riuscivo a respirare, avevo il fittone come un anziano. Come mi sono sdraiata è peggiorato tutto perché appoggiarmi al cuscino aumentava la tensione, specialmente mettendomi sul alto destro, e sentivo pompare ancora il più il collo e mi sentivo svenire. Ho passato la notte in bianco. La mattina ho misurato la pressione: 56 / 101...Ho chiesto all'osteopatia e lui mi ha mandata dal medico di base per parlare della pressione.
Nel frattempo avevo assunto liquirizia e caffè.
Il medico, che certamente ha un macchinario migliore del mio, ha trovato la pressione perfetta. Mi ha fatto impegnativa per controlli al cuore, e per analisi per eventuale anemia e tiroide. Mi ha detto di fermarm con l'attività fisica fino a quando avremo i risultati.
La sensazione mia è però che le vertebre mi schiaccino i vasi sanguigni.
Ieri non stavo in piedi perché il cuore era affaticato e no riuscivo a respirare. Mentre cucinavo dovevo continuamente sedermi.
Stanotte fortunatamente ho dormito, ma come mi sono alzata è ripartito tutto. Ora ogni mezz'ora mi devo sdraiare. Mi è iniziata anche una sensazione di bruciore interna in tutta quella zona.
Cosa può essere il link tra tutti questi sintomi improvvisamente comparsi?
Vi prego di aiutarmi ad indirizzarmi verso un controllo sensato.
Grazie. D.
[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile D.,

quanto riferisce non è al momento suggestivo per una particolare patologia organica;
segua attentamente le indicazioni diagnostiche del collega curante che saranno chiarificatrici di eventuali situazioni particolari in atto.
In attesa, considerata la sua giovane età, mi sento di tranquillizzarla e la invito a far caso anche a tutta la sua sfera emozionale che in condizioni di stress potrebbe concorrere a determinare questa sintomatologia.

Cordialmente.