Utente 241XXX
Salve, ho 38 anni, avrei bisogno di una risposta abbastanza urgente e semmai di un consiglio…
E’ da un pò di tempo ( oltre un anno) succedono le seguenti cose:

1° Rigidità del pene, speso e volentieri nel momento di eccitamento il mio pene non raggiunge la sua turgidità come faceva una volta, ma la raggiunge dopo la penetrazione.

2° Ho notato che tra una erezione e l’altra (in particolare dopo un rapporto con eiaculazione )
i tempi di recupero si sono allungati moltissimo, anche fantasticando sembra non reagire più di tanto…

3° Ho notato che la velocità di uscita dello sperma (lo schizzo) non è più la stessa, cioè prima il mio sperma veniva schizzato/spruzzato (esempio a 20/30cm di distanza) ora esce senza tanta foga ricade pressoché subito dopo il glande a circa 2/3 cm di distanza, mi sembra che le spinte per farlo uscire non siano più vigorose come una volta.

Chiedo questo perché è da oltre un anno che io e mia moglie cerchiamo secondo figlio ( che non arriva) non vorrei fosse dovuto a queste mie “ problematiche!!!”, giusto le regole non mi sembra di
tanto vecchio!!!

Ringrazio anticipatamente
Cordiali Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,aldila' delle misure del getto ejaculatorio...credo che sia neccessaria la perizia di un esperto andrologo che valuti sia gli aspetti sessuali che riproduttivi e ponga una diagnosi corretta che possa risolvere problemi e curiosita',evitando banalizazioni e perdita di tempo.In particolare,indagherei la prostata ed eseguirei uno spermiogramma con coltura,nonche' un ecodoppler penieno dinamico.Cordialita'