Utente 476XXX
Buongiorno,
mi ritrovo con una balanite ( o balanopostite, mai capito chiaramente la differenza ), oramai da un anno. Si è mostrata in diversi modi: dapprima mi trovavo il glande pieno pallini di smegma, poi il glande si era arrossato tantissimo, poi mi sono ritrovato del muco con perdite di sangue, infine ancora arrossamento. La parte colpita è sempre la metà inferiore del glande che, ad oggi, ha anche la superficie frastagliata invece di essere liscia. In mezzo a queste diverse fasi ci sono stati dei momenti di calma relativa inoltre c'è una forte ipersensibilità della parte colpita, che mi rende difficile avere dei rapporti con durata decente (prima dell'infiammazione andavano dai 10 min all'ora, dopo l'inf. non so nemmeno se ci arrivo ai dieci minuti, il glande è sensibilissimo, quasi come nelle fasi antecedenti all'orgasmo)
I medici mi hanno fatto provare un pò di tutto: euclorina, betadine, mercurio cromo, canesten, gentalin, aeuromicina, fitostimoline...non è mai a posto del tutto.
Il mio medico mi ha proposto, dopo tutti questi tentativi, una circoncisione: non ho problemi di fimosi anche se ho un pò di sovrabbondanza della pelle del glande, cosa che mi fu fatta notare già in tempi non sospetti.
DOMANDA: a questo punto una circoncisione (totale o parziale) può essere davvero il passo corretto per farmi passare l'arrossamento al glande e per risolvere i problemi di eiaculazione?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro signore, io prima di procedere ad una fimosi consulterei anche un dermatologo esperto in venearologia
cordiali saluti
dott. Giuseppe Quarto
www.prevenzioneprostata.com
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

non riesco a comprendere come, senza una diagnosi specifica, come si possa consigliare terapie demolitive come una circoncisione!

provi a rideterminarsi con il suo medico, ben sapendo - per sua massima utilità - che lo specialista di riferimento per questa situazione è il Venereologo (esperto di cute e mucose genitali)

cari saluti