Utente 202XXX
Prostatectomia radicale tecnica n.sp. con buon risultato finale, psa allo 0,01% x 3 analisi consecutive. Ho erezioni notturne naturali anche se non frequenti, o, almeno, non sempre me ne accorgo. Durante le fasi preliminari con la mia partner, ho una repentina erezione, ma, ahimè, anche un repentino parziale afflosciamento del pene che non mi permette la penetrazione. L'urologo che ha effettuato l'operazione si preoccupa solo che i valori del psa siano buoni e non prende in seria considerazione la mia preoccupazione x quanto denunciato. Assumo cialis 5 mmg quasi giornalmente e godo di una buona salute fisica con pratica sportiva abbastanza regolare. Desidererei sapere se esistono prodotti abbinabili al cialis (l'unico farmaco che non mi infastidisce lo stomaco), x migliorare la turgidità e la longevità peniena. La mia impressione è che dopo l'erezione ci sia la fuga venosa che dovrebbe avvenire dopo l'eiaculazione come avveniva in precedenza. Questa però è solo la mia ipotesi che proviene da ciò che ho letto a riguardo. Se non, cosa o quali controlli dovrei fare x avere risposta in merito. Ringraziando anticipatamente, porgo i miei più cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

di norma per valutare la circolazione del pene e quindi la funzione delle vene è necessario eseguire l'ecocolor-doppler penieno dinamico con prova farmacologica, cioè con iniezione al fine di valutare la risposta delle arterie ad una molecola vasoattiva.

è importante che esegua l'esame in mani esperte e in centri dedicati visto il pregresso intervento di prostatectomia.

aggiungo che è opportuno valutare il risultato finale con un andrologo per le discussioni e decisioni terapeutiche del caso.

cordialità
[#2] dopo  
Utente 202XXX

Iscritto dal 2011
Mi scusi gentile dottore, ma mi sono dimenticato questo "dettaglio". X quanto concerne la prova con iniezione intracavernosa con prostaglandine, l'ho già sperimentata in ospedale e 2 volte da solo con una dose di 2,5 mmg e il risultato è stato sempre positivo con erezione totale x circa 2 ore e 1/2. Non è però molto comoda e questa terapia non Le nego che un pò mi spaventa più che altro x eventuali futuri effetti collaterali. Non ho però fatto l'ecocolor-doppler durante. Questo Le può dare qualche altra indicazione? Grazie ancora x la Sua celere precedente risposta. Aspetto ulteriore Sua valutazione.


[#3] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
confermo l'opportunità dello studio doppler del pene con dosaggi di prostaglandine molto più basso, cioè calibrato per il suo caso,

cordialità