Utente 252XXX

Le scrivo per mia mamma,una donna di 55 anni che pesa 63Kg ed è alta 1.59 cm. Da 25 giorni soffre di fibrillazione atriale e io sono molto angosciata per lei.
Le spiego il caso:
Mia mamma è sempre stata una donna molto energica e attiva e in buona salute..da circa 10 gg si stentiva però affaticata,più debole,aveva un forte dolore alla spalla destra e accusava assenza di respiro nel fare qualsiasi sforzo.Si è rivolta al medico di base il quale però ha diagnosticato delle vertebre "fuori posto" e con una manipolazione le le ha "risistemate"e le ha detto di portare pazienza che il tutto sarebbe passato..due giorni dopo tutti i sintomi sono aumentati..finchè è andata al pronto soccorso..e risultato..aveva 170 battiti al minuto..pressione alta( 140 170.assenza di respiro e forte sudorazione.per cui l'hanno mandata direttamente in cardiologia..dove le hanno diagnosticato "fibrillazione atriale".Non l'hanno ricoverata e fino ad oggi è seguita in day hospital a casa e le hanno dato una dose di atenalolo da prendere..beh quella è stata una notte spaventosa..sudava freddo..era bianca..il respiro le mancava moltissimo(non riusciva a stare sdraiata.,.neanche con 4 cuscini)..così siamo tornati in ospedale..e dopo aver fatto esami..ecografia al cuore e raggi al torace (dai quali è risultato che ha dei versamenti di liquidi ai polmoni dovuti a questo scompenso cardiaco)..hanno deciso di darle anche lanoxin e lasix(1cp) .Doveva iniziare con il coumadin..per poi procedere con cardioversione..ma l'inizio terapia coumadin è stato rinviata di 4 gg in quanto ,ripetendo gli esami del sangue,si sono accorti che il lanoxin le stava alterando i valori relativi al fegato..circa 10 gg fa ha iniziato con il coumadin..ma lei è ancora molto debole..non riesce ad alzarsi..e di notte le manca molto il respiro..per cui lunedì le hanno rifatto i raggi al torace e hanno riscontrato ulteriore travata distelettasica nei settori periferici del terzo medio del polmone sinistro , versamento pleurico bibasale in segni di congestione del piccolo circolo. Dunque le hanno potenziato i diuretici (lasix 4 compresse al giorno(prima ne prendeva solo 1 e 1 lasitone) + 1 di luvion) per far fuoriuscire i liquidi .Ad oggi domenica 20 maggio continua a non dormire per attacchi di assenza di respiro e di giorno è molto debole,non riesce ad alzarsi.
Ecco questo in breve è il riassunto del caso di mia mamma e della terapia adottata..è da 25 giorni che è seguita in day hospital ..ma non vedo molti risultati.L'assenza di respiro aumenta quando si alza e per esempio va in bagno..ha poca fame,nausea e molto prurito soprattutto alla testa e al pube.Inoltre ieri,prob.causa diuretici, pressione 60 90
Vorrei chiederle un consulto medico,se possibile..
e chiederle se è normale questa situazione..se ci consiglierebbe un'altra terapia..se questi sintomi dovrebbero passare..e il respiro e la forza aumentare..
se è meglio farla visitare da un'altra equipe.Attendo una risposta.
Grazie anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Sua madre non può star bene fino a quando la fibrillazione atriale non sarà passata. E' quindi importante per lei eseguire la cardioversione elettrica che è stata programmata, ma questo non può essere fatto prima di un mese di terapia anticoagulante ottimale e solo dopo una ecocardiografia transesofagea che sicuramente faranno in ospedale prima della cardioversione. Il tutto per evitare il rischio di complicanze più alto, in questi casi, che è la tromboembolia cerebrale. In attesa la terapia che stà osservando serve per ridurre i battiti elevati dovuti alla fibrillazione e tentare di allontanare i liquidi in eccesso che si accumulano nei polmoni in conseguenza dello scompenso cardiaco secondario all'aritmia.
Abbi fiducia nei medici che la stanno seguendo e vedrà che andrà tutto per il meglio. Dia tempo al tempo.
Auguri