Utente 227XXX
Gentili dottori.

Ho fatto diversi esami dall'andrologo e sono tutti risultati negativi... in più durante i rapporti riesco quasi sempre ad avere una buona erezione... Come mai allora ho rarissimamente erezioni al mattino da diversi anni? Girando su internet ho trovato una discussione in cui un utente ha poi scoperto di avere la prostatite cronica batterica e che ha risolto con la querecitina...

Capisco che abbia fatto un po' "fai da te" però ha risolto il problema.

Non so piu che esami fare... Perchè comunque, occasionalmente, qualche deficit ce l'ho durante i rapporti, e quando sono con la ragazza dopo la prima volta non ho più voglia (mentre da solo mi capita di masturbarmi 3-4 volte al giorno anche).

In un ragazzo giovane come me tutto cio è terribile. Cosa potrei mai avere?

Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

è certamente condivisibile la sua preoccupazione e merita di essere accolta dallo specialista.
le erezioni al mattino sono erezioni involtontarie legate a specifici riflessi del cervello, anche legate alla profondità di certi riflessi che occorrono durante il sonno.

le erezioni piuttosto che contano sono le erezioni finalizzate al coito e lei riferisce buone erezioni sufficienti per il coito.
circa poi la possibile prostatite, bisogna sottolineare che la prostatite non sarebbe emersa dai controlli andrologici che lei hai riferito normali.

perciò è fondamentale chiarire tutto il quadro con lo specialista.

cordialità
[#2] dopo  
Utente 227XXX

Iscritto dal 2011
Mi scusi dottore, temo di non avert capito correttamente.

Mi dice che dai controlli andrologici la prostatite NON sarebbe emersa, è corretto o c'è un "non" di troppo?

Purtroppo non posso più rivolgermi allo specialista che mi aveva in cura (un truffatore, preferisco non averci a che fare) per cui dovrò cambiarlo... mi consiglia di rivolgermi ad un altro andrologo o di richiedere specifici esami al medico di base? Gli esami risultati nella norma sono i soliti... sangue, ormoni, ecodoppler...

Saluti e graze ancora!!!
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

lei ha riportato che gli esami andrologici eseguiti sono regolari, presumo compresi quelli prostatici (se li ha eseguiti). è necessario precisare però che gli esami prostatici possono essere eseguiti nell'ambito della valutazione di sintomi del paziente, dei segni clinici e della visita: quindi non avendola visitata non posso dire se li ha già effettuati.

perciò consiglio di sentire un altro specialista.

cordialità

[#4] dopo  
Utente 227XXX

Iscritto dal 2011
Gentile Dott. Colpi

In realtà non ho eseguito alcun esame prostatico (non mi è mai stato detto di farlo) per cui sarà una cosa di cui mi occuperò di fare al più presto anche perchè, e questa è una cosa che non ho mai fatto presente, io ho un problema da diversi anni (saranno almeno 5) che ho sempre sottovalutato.

Se premo un po' forte col dito sulla zona che sta tra i testicoli e l'ano (perineo? non so) mi capita di sentire un leggero dolore... E' una cosa che ho sempre trascurato e non mi da assolutamente noia durante la giornata (faccio anche attivitò fisica)... Può avere una qualche rilevanza questa cosa?

Per cui, riassumendo, cosa devo chiedere di preciso e a chi? Vorrei anche evitare di rivolgermi ad un altro privato che mi faccia spendere una fortuna per niente, non ho grandi disponibilità economiche. Però vorrei evitare di passare dal medico di base per queste cose.

Grazie ancora!
[#5] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

il suo dolore non è detto che sia pertinente per la prostata, nè che sia collegato con le erezioni.
sulla prostata possono essere eseguiti diversi esami che dipendono però dal tipo di problema ipotizzato.

non ha senso eseguire esami alla cieca....si rischia di fare esami solo inutili e dispendiosi.
è solo dopo la visita che si possono prescrivere gli accertamenti; purtroppo da questa postazione non si può fare altro.

circa l'andrologo, può rivolgersi presso qualsiasi centro di andrologia pubblico della sua città.

cordialità
[#6] dopo  
Utente 227XXX

Iscritto dal 2011
Grazie ancora Dottore.

A questo punto la mia ultima difficoltà è individuare uno di questi centri di cui lei parla, perchè cercando su internet trovo solo privati (tra cui l'andrologo con cui ho già avuto a che fare, di cui non mi fido molto... e lui mi fece fare solo eco doppler, esami del sangue, esami ormonali, esame pene e testicoli).

Immagino non possa segnalarmi nulla di preciso, per cui boh... mi arrangerò.

Saluti!
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

per avere questa informazione particolare è bene in primis sentire sempre il suo medico di famiglia che sicuramente le potrà dare una mano sulla ricerca delle strutture andrologiche che operano nelle sua città che fortunatamente non ne è priva anche in ambito pubblico.

Cordiali saluti.