Utente 253XXX
Salve,
qualche giorno fa, a seguito di una piccola ferita superficiale con una forbice arrugginita, ho effettuato il primo ciclo di anti-tetanica (Anatetall + Tetabulin 500).

Il consiglio mi è stato dato dal mio medico di famiglia, non tanto per la gravità della ferita, ma perché ero quasi sicuramente scoperto (dopo la vaccinazione dei 15 anni non ne avevo più fatte, e ora ne ho 28).

In questo modo, vaccinandomi, sarei di nuovo stato coperto per il futuro (con i richiami successivi naturalmente), e così ho fatto.

Ora, però, sono preoccupato per gli eventuali rischi derivanti dall'iniezione del Tetabulin.
Ho letto, infatti, che essendo immunoglobuline umane, potrebbero in teoria veicolare altri virus conosciuti (HIV o Epatite) o sconosciuti.

È così oppure i controlli che il farmaco segue (donatori controllati ecc.) mi possono tranquillizzare?

Tra l'altro, la dose che mi è stata data è la 500, mentre so che esiste una versione più leggera: la 250.

Il mio medico me l'ha prescritta e somministrata con estrema tranquillità, e anche i farmacisti che me l'hanno venduta me l'hanno descritto come un farmaco "normale".

Ora vorrei, però, poter stare tranquillo dagli eventuali rischi..sennò non l'avrei fatta visto che la ferita non era molto brutta.

Grazie del consulto.
[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile utente
può considerare tutto ciò con la massima tranquillità per l'estrema sicurezza dei preparati