Utente 254XXX
Ciao, ho 49 anni e sono un fibrillante atriale persistente.
Tutto iniziò 2 anni fa per una visita fatta per caso a lavoro. A settembre 2011 ho fatto il 1° ricovero perchè i Dottori mi hanno consigliato la CARDIOVERSIONE ELETTRICA, ma riuscì solamente per 24 ore. L'ho rifatta altre 2 volte ma rimasi fibrillante.
A marzo 2012 i Dottori hanno deciso di farmi un intervento e mi hanno fatto:
- Cardioversione elettrica endocavitaria;
- Studio elettrofisiologico endocavitario;
- Ablazione transcatetere mediante radio frequenza, sembrava fosse riuscito invece dopo un mese dall'intervento ho rifatto i controlli e sono nuovamente un fibrillante atriale persistente. Ora vorrei un consiglio, i Dottori vorrebbero riprovare a fare un'altro intervento simile a quest'ultimo, conviene farlo??? Si concluderebbe qualcosa o sarei sempre punta e a capo??? Ritornerò ad avere i battiti normali????
Grazie ...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
L'ablazione della fibrillazione atriale è nel suo caso l'unica speranza di ritornare ad avere un ritmo normale. Purtroppo la tecnica attuale non permette di garantire il risultato, pertanto non sappiamo prima in chi avrà successo e in chi no. Va detto inoltre che spesso per ottenere un buon risultato occorre eseguire più sessioni di ablazione distanziate tra di loro di alcuni mesi. Sicuramente il successo dell'iontervento dipende anche dall'esperienza del team operativo, ma a volte anche in mani esperte tutto quello che si può ottenere è rendere i farmaci inefficaci prima dell'intervento, efficaci dopo. Lei è giovane, quindi le consiglio di eseguire un secondo tentativo e di dare una mano ai colleghi inteventisti riducendo drasticamente, ma progressivamente nel tempo, il suo peso corporeo.
Cordialità