Utente 226XXX
Salve, sono una ragazza di 24 anni, volevo chiedere un consulto. Qualche settimana mi è venuta una crisi di panico, sono stata davvero male e il sintomo "cardiaco" ad oggi ancora non è passato. In seguito a degli anti infiammatori per la gola prescritti senza gastroprotezione, sono finita al pronto per gastrite acuta e intestino costipato, li mi hanno fatto un ECG per la tachicardia che (secondo loro) era causata dal mio stato di completa ansia e panico. E' risultato perfetto. Il problema è che adesso accuso affanno, formicolio al braccio all'altezza dell'ascella e della spalla, formicolio alla schiena, come se fosse addormentata, dolore al petto e bruciore (forse causato dallo stomaco, non saprei) e controllando i battiti sento che non sono sempre "normali", nel senso che a volte sento due battiti nello stesso secondo, a volte ne salta uno e questa sensazione di indolenzimento al petto e di affanno (pur respirando normalmente) non accenna a passare. Quando ho avuto la gastrite, cioè ieri notte, pensando alla paura che potesse trasformarsi in ulcera, i disturbi che avevo al cuore non mi sono neanche passati per la testa, così non avevo più questi sintomi, ma ora siamo punto e capo. Io non riesco più a vivere bene, a godermi la giornata, a divertirmi, ho sempre paura di un infarto in atto, o un microinfarto che si è già verificato, dunque il cuore fatica a lavorare come dovrebbe. Ho prenotato un Ecocardiogramma, è possibile vedere da quello se il muscolo cardiaco ha delle disfunzioni che causano questi fastidi? O la mia è solo ansia? Ho solo 24 anni, quando parlo di questa situazione con mio padre o il mio ragazzo, non vengo presa sul serio, però io sto davvero male. Potrebbe essere un problema cardiaco oppure solo tanto stress e ansia accumulata?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il dare un nome come "disturbo da attacchi di panico" non è affatto sminuire il suo star male.
È solo dare un nome ad una patologia che tipicamente lei descrive e che si giova di trattamento farmacologico.
Ne parli con il suo medico o con uno specialista psichiatra.
Guarirà perfettamente
Cordialmente
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la risposta, dunque, mi è venuto un altro attacco di tachicardia improvvisa, mio padre ormai al limite della sopportazione è convinto che sia solo stress e ansia, quindi per tranquillizzare anche me ha prenotato un Ecocardiogramma normale e sotto sforzo per lunedì. La terrò informato sugli esiti della visita, grazie ancora