Utente 254XXX
Gentili dottori,
sono un ragazzo di 22 anni, e a settembre sono stato sottoposto ad un intervento di rimozione dell'idatide del Morgagni e fissazione testicolare. Da allora sono passati 9 mesi, durante i quali non ho avuto alcun problema eccezione fatta per un leggero dolore incrociando le gambe in una determinata maniera. Da circa una settimana a questa parte, tuttavia, sento un leggero fastidio persistente (non localizzato, come un senso di oppressione, di pesantezza) nell'area del testicolo operato. Posso considerare che sia una cosa normale o devo allarmarmi?
Inoltre vorrei chiedervi: è normale che lo scroto abbia leggermente cambiato forma dopo l'operazione? Sia alla vista che alla palpazione il testicolo operato risulta infatti diverso dall'altro.
Vi ringrazio molto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,a naso,penserei alla presenza di un idrocele e/o spermatocele,reattivo,conseguente all'ntervento subito.In tal caso,se il disagio riferito è minimo,non ricorrerei ad una terapia chirurgica.Va da se che le ipotesi formulate vadano confermate da una visione diretta e da un'ecografia.Ha mai eseguito uno spermiogramma?Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 254XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dott. Izzo, intanto la ringrazio per la celerità della sua risposta.
No, non ho eseguito alcuno spermiogramma benchè mi fosse stato consigliato da un andrologo che mi visitò dopo l'operazione. Ad ogni modo, già stamane il fastidio mi pare sia diminuito. In che cosa consiste l'intervento di cui parla sopra?
La ringrazio di nuovo
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

tutti i maschi dovrebbero, dopo i 18 anni, effettuare un esame del liquido seminale per conoscere quale sia la propria situazione e la pote3nzialità riproduttiva.
A maggior ragione chi abbia dei problemi a livello testicolare.
Salvo casi di urgenza, prima di andare ad operare un paziente a livello testicolare è mandatorio far effettuare un esame seminale anche per motivi medicolegali di tutela del paziente e dell'operatore..
Dopo un intervento sui testicoli che abbia comportato la apertura della membrana vaginale esiste il rischio che si formi un idrocele, raccolta di liquido con aumento volumetrico del testicolo. Confermarlo è semplice sia con una visita dello scroto che con una ecografia scrotale
Cari saluti