Utente 258XXX
Salve, sono un ragazzo di 23 anni, ho un problema al pene da circa 7 o 8 anni che non ho mai fatto controllare per mia vergogna. A seguito dei primi rapporti sessuali riscontrai un incurvamento a sinistra di almeno 45° con formazione di tessuto cicatriziale che percorre tuttora tutta la lunghezza dell'asta fino al'altezza del frenulo. L'incurvamento persiste sia in erezione che in riposo ed il pene di 14-15 cm è completamente coperto dal prepuzio. Avendo letto diversi forum in questione mi sono accorto che si tratta di un problema più o meno comune ai ragazzi della mia età ma che comporta comunque problematiche psicologiche e difficolta fisiche nella penetrazione, come ho potuto anch'io constatare. Attualmente risiedo a Roma come studente universitario, volvevo avere, se possibile, indicazioni su un'andrologo da poter consultare, delucidazioni sulla patologia e la risoluzione del problema, sulla perdita di cm che si riscontra dopo un possibile intervento e se davvero il Sistema Sanitario Nazionale prende a carico le spese di questi interventi come mi è capitato di leggere in giro per i suddetti forum, o comunque la spesa che più o meno in questi casi si deve affrontare non avendo voglia, sempre per mia vergogna, di consultarmi o in qualche modo di coinvolgere i miei familiari. In attese di vostre notizie porgo cordiali saluti e ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,innanzitutto si rivolga ad un andrlogo reale che potrà facilmente consultare ricorrendo al SSN,che,posta una diagnosi di merito,potrà consigliarLe la corretta strategia terapeutica che,in tutti i casi,è sostenuta dal SSN.Nel frattempo,esegua delle fotografie del pene in erezione che esibirà allo specialista di riferimento.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

una deviazione congenita dell'asta è una condizione patologica che potrebbe creare "disagio estetico" e difficoltà penetrative ma che potrebbe anche consentire validi e piacevoli rapporti sessuali.
E' sempre opportuno essere valutati da un andrologo con esperinza chirurgica.
La eventuale correzione chirurgica può essere risolta anche in strutture del SSN facendo attenzione a rivolgersi a centri con buona esperienza in materia
cari saluti