Utente 216XXX
buongiorno,
siamo in vacanza in montagna con la parrocchia, tra i ragazzi c'è un bimbo di 10 anni cui è stata diagnosticata la Tetralogia di Fallot. Ieri siamo andati in gita a 1800 m e il bimbo ha avuto difficoltà respiratorie.
Non ci erano state fornite contro indicazioni particolari rispetto all'altitudine (se non una generica raccomandazione di non superare i 2500, quota comunque non i programma durante la vacanza). I genitori sono assenti.
Potete cortesemente fornirci qualche indicazione in merito? la casa è situata a 1600 m, siamo in val d'Aosta
grazie
davide

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Oltre i 1000 -1500 metri la concentrazione di ossigeno scende, e pertanto le cardiopatie cianogene non debbono essere portate a quelle altitudini.
La tetralogia di fallot peraltro e' correggibile chirurgicamente.
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 216XXX

Iscritto dal 2006
grazie mille per la celerità nella risposta.
deduco dal consulto che sono da evitarsi sicurametne altre camminate, ma anche che rimanere ancora a 1600, seppure a riposo in casa, per latri 3 giorni potrebbe non essere la scelta migliore per il ragazzo. corretto? (con questo non voglio chiederle di dirci cosa fare, ovviamente, ma solo capire bene la situazione per poi decidere come muoverci)
grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
a riposo il ragazzo non dovrebbe avere problemi, anche se mi pare sconsiderato verlo portato a quelle altitudini, e' una grossa responsabilità'.
Arrivederci
cecchini