Utente 169XXX
Salve gentili dottori.Negli ultimi anni sono passato da problemi di palpitazioni dovute ad anzia,a disturbi di stomaco,per poi passare a problemi legati alla testa(vertigini,frastornamento); tutti questi fastidi si sono risolti poi effettivamente in un nulla di fatto dopo esami che hanno escluso varie patologie.E con l'esclusione di patologie serie,con mia relativa tranquillizzazione,se ne sono andati anche i vari sintomi. Chiuso questo circolo vizioso di problemi,ultimamente ero in un periodo piuttosto tranquillo dove finalmente non avevo avuto più sintomi strani ed ero tornato quello di un tempo essendomi autoconvinto di non avere niente.Purtroppo ultimamente sono ricomparse delle preoccupazioni in merito all'argomento che vi sto per esprimere e desidererei sapere se secondo voi (avanzando ovviamente una ipotesi che non può avere nulla di certo) le mie preoccupazioni sono fondate o se sono anche stavolta frutto di mie anzie.Sono sempre stato un tipo atletico e ho praticato calcio fino a circa 1 anno e mezzo fa che poi ho dovuto interrompere a causa dell'università. Mi sono sempre tenuto controllato come d'obbligo con visita annuale con elettrocardiogramma normale e sotto-sforzo e non è mai risultato niente..inoltre a gennaio 2010 feci anche un ecodoppler in merito proprio alla tachicardia che avevo ogni tanto e non risultò niente se non che ero soggetto ad attacchi di panico.L'ultimo elettrocardiogramma che ho fatto (solo normale cioè non sotto sforzo) risale a maggio 2012 quando mi sono recato al pronto soccorso e sono stato sottoposto a visite generali in seguito ad un attacco di panico intenso e non è risultato niente di preoccupante (esito elettrocardiogramma: bbd incompleto. lieve sopradimensionamento st senza segni di specularità). Il motivo della mia preoccupazione è questo: ultimamente quando faccio sforzi fisici soprattutto con questo caldo,tipo montare rampe di scale della stazione con una borsa pesante,oppure camminare sotto il sole con essa,avverto un fastidio localizzato sotto la base del collo nei dintorni della clavicola sinistra e sotto la base del collo piuttosto discreto.Non ricordo bene se è la stessa sensazone che provavo quando prima di una partita di calcio col caldo c'era da "rompere il fiato" nel riscaldamento,non lo so.Tale fastidio se ne va dopo un po' che sono a riposo.Esso non avviene sempre ed ho associato questi accaduti al fatto che sono fuori forma anche se da qualche mese a questa parte ho ripreso a correre verso sera 1-2 volte a settimana.Sottolineo che durante le mie uscite di corsa non ho mai havuto questi fastidi,ma solo quando ad esempio a volte faccio le scale .Ho notato che una volta in balia del sintomo intensificando lo sforzo fisico questo è sembrato scomparire nel nulla non so se è un caso.In più ad accentuare la mia nuova preoccupazione è il fatto che il fratello di mio padre(ha 50 anni) ha avuto un infarto ad ottobre scorso.Vi chiedo se secondo voi è solo un'altra delle mie preoccupazioni o no!Grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
in considerazione del fatto che la sintomatologia da lei riportata è del tutto atipica e in virtù degli esami cardiologici sostenuti, le sue lamentele sembrano francamente ansiogene.
Stia sereno, il suo cuore va benone.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
Grazie dottore per la celere risposta.Le farò sapere se ci saranno aggiornamenti al riguardo!
[#3] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
Salve dottore.Sono qui per riprendere il discorso se possibile.
Intanto sottolineo che il 6 settembre ho fatto la mia consueta visita per il certificato medico agonistico con visita spirometrica e elettrocardiogramma da sforzo dal quale non è risultato niente se non che sono un po' fuori allenamento visto che è un po' che sono fermo.Oggi sono tornato a corrre per sperare di intraprendere un nuovo percorso di allenamento che cercherò di seguire senza sgarrare.Il fatto è che dopo circa 10-15 minuti di corsa,ho avvertito il fastidio che precedentemente avevo spiegato nella descrizione iniziale.Esso sembra avere origine (ubicazione del tutto soggettiva) dalla fossetta che si trova alla base del collo,in profondità.Inizialmente avverto come un senso di bruciore-fastidio in questa zona e poi sopraggiungono una serie di doloretti continui localizzati nelle vicinanze di tale fossetta,ma un po' più in basso, sotto la clavicola, a volte spostati a destra e a volte a sinistra sempre vicini al centro però.Quando ho terminato la mia corsa dopo poco si sono placati ma è restato questo senso di bruciore in profondità nella fossetta che lentamente è andato sparendo.Mi pareva che correndo questo bruciore,respirando profondamente si intensificasse un po'.Alla luce del nuovo esame fatto da poco e delle sue rassicurazioni e dal fatto che cerco di tenere un regime di vita sano non bevendo e non fumando non penso(magari sbagliando) che possa trattarsi di qualcosa di origine cardiaca.Non so se sono fastidi dovuti alla mia recente sedentarietà.Aspettando una sua risposta,le chiedo in che campo secondo lei dovrei indagare.Non ho mai sofferto di asma o allergie ma non so se si possa tratatre di qualcosa riguardante il sistema respiratorio.Lei cosa ne pensa? Grazie per una eventuale risposta a lei e ai suoi colleghi,che svolgete un servizio davvero utile.