Utente 260XXX
salve,

da circa un anno la mia produzione di sperma si è completamente bloccata. Riesco ad avere rapporti normalmente, a mantenere l'erezione senza problemi e a raggiungere l'orgasmo, ma questo si presenta "asciutto", senza nessuna produzione di sperma.

Circa sei mesi fa mi sono recato dall'andrologo che mi ha prescritto uno spermiogramma, nonostante io gli abbia più volte ripetuto che la mia produzione di sperma è pari a 0.

Dopo essere andato (a vuoto) al centro per le analisi, sono ritornato a mani vuote dall'andrologo che mi ha prescritto una serie lunghissima di esami dai quali non è emerso assolutamente nulla.

Infine mi è stata prescritta una terapia con testosterone EV, che ho seguito scrupolosamente ma che non ha minimamente alterato la situazione.

Oltre a tutto questo, da diversi mesi noto che i miei peli corporei stanno cadendo, ne trovo a ciuffetti nel letto e sono diventato praticamente glabro sul petto e sulla pancia, mentre i peli di gambe e braccia sono sottilissimi e fragili. Ho fatto notare questo sintomo all'andrologo che però ha minimizzato.

Qualche idea su possibili spiegazioni?
Grazie
Mario

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

dai dati che riporta sembra che la scarsa produzione di sperma possa esser secondaria ad un problema ormonale...ma potrebbe riferire ben altri sintomi che non ha riportato e stranamente avrebbe dovuto rispondere alla terapia con testosterone.

Ovvio che è perentorio analizzare tutti i dati nel complesso, considerato che con funzione erezione e orgasmica regolare....è necessario escludere la retro-eiaculazione in vescica ....e certamente studiare le vie seminali interne.

Quindi forse questi passaggi sono stati effettuati , ma purtroppo a distanza non si può essere più esaustivi.
Aggiorni per correttezza il suo specialista su questi sintomi e magari può sentire un altro parere.

cordialità