Utente 221XXX
Buongiorno,

tre mesi fa ho avuto una distorsione al dito della mano destra, precisamente il mignolo ha fatto d'appoggio durante una scivolata subendo tutto il peso del corpo; faceva freddo e avevo la mano quasi congelata, dopo la caduta il mio dito era storto piegato al contrario ed era diventato molto flessibile anche piegando il dito lateralmente spingendo la punto verso l'esterno. Ho accusato dolori solo dopo che la mano si era scaldata, il dolore è durato per circa un'ora e mezza, poi era solo un fastidio.
Dopo averlo steccato per 3 settimane ho eseguito una lastra dove non ho avuto nessuna lesione alle ossa, addirittura la lastra dice che non ho nemmeno lesioni articolari, ma allora perchè il dito dopo 3 mesi mi è rimasto gonfio come una pallina quasi il doppio dell'altro dito nella parte centrale proprio dove il dito si piega?

Se lo piego tutto facendo fatica accuso dei dolori, cosa può essere? Ho bisogno di operarmi?

Grazie in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

dai sintomi da lei riferiti, sembrerebbe che la distorsione abbia creato una danno capsulo-legamentoso.

La radiografia non puo' assolutamente escludere lesioni articolari dei tessuti molli, ma solo della componente scheletrica.

Ritengo indispensabile che lei si faccia visitare da uno specialista in Chirurgia della mano.

Buona serata.
[#2] dopo  
Utente 221XXX

Iscritto dal 2011
Salve gentile medico,

volevo solo sapere se, questo gonfiore dato che non è dato da una causa ossea ma legamentosa, sarà possibile che in futuro sparisca.

Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Potrebbe ridursi leggermente ma non scomparire, essendo dovuta alla cicatrice interna, a sua volta causata dalla probabile lesione capsulo-legamentosa.

Ma il punto decisamente importante, in questi casi, e' dato dalla valutazione di una eventuale lassita' articolare residua.

La tumefazione ha ben poca importanza rispetto alla lassita'.
[#4] dopo  
Utente 221XXX

Iscritto dal 2011
Caspita no, non si può fare niente per ridurre completamente il gonfiore?
Per la lassità non ho problemi è solo un pochino più lasso dell'altro, ma veramente poco e solo se lo muovo con la forza.

Mi è stato detto di massaggiarlo con della pomata per togliere questo gonfiore o non funziona? Ci sarà un modo spero...
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Deve solo aspettare due o tre mesi.

Le pomate wervono a poco con la cicatrice.
[#6] dopo  
Utente 221XXX

Iscritto dal 2011
Come solo 2 o 3 mesi? Io da quando mi sono fatto male ne sono passati esattamente ora che faccio i conti e ci penso bene quasi 5, e il risultato non è cambiato di molto forse di qualche millimetro tra 2 o 3 mesi il risultato sarà lo stesso Dottore. Se il gonfiore non va via io ho paura che aspettando troppo tempo poi non si possa più fare niente con delle terapie, o magari già da adesso è troppo tardi, insomma non lo so, quello che io so è che vorrei fare qualcosa per far passare il gonfiore ma non star fermo e aspettare che se il tempo passa poi sarà troppo tardi.
Forse terapie con ultrasuoni, laser, non lo so, ma ci sarà un modo; non posso stare con il dito così il lavoro non me lo permette e poi faccio ancora fatica piegarlo del tutto.
Ci sarà un modo senza dover passare alla chirurgia, sempre che essa mi potrà forse risolvere il problema?
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Se sono passati cinque mesi, vuol dire che ormai le cose non cambieranno se non in misura minima.

Non ci sono terapie fisiche, pomate o altro che possano ridurre la tumefazione dopo tanto tempo......

La chirurgia non trova alcuna indicazione, a meno che non ci sia un cedimento articolare, a causa della rottura completa di un legamento.