Utente 212XXX
gentilissimo dottore,
le scrivo per chiederle una informazione riguardante mio nonno.
anni 83, iperteso in terapia,BPCO trattata..le sue pastiglie sono al giorno(lasix 1c,cardioaspirina 1c,karvea1c,foster spruzzo per il respiro).
il quadro è questo:
è una persona soggetta a fare si che le gambe si gonfino è successo già ma mai come stavolta.
spesso in questa gamba sx si forma una varice (superficiale) che c'è anche ora e gli da dolore. la gamba circa 2 mesi fà era diventata rossa come da infezione diciamo perchè si aiuta poco toccadosi,non tenendosi il gambaletto ecc ecc.
il mio medico di famiglia mi ha dato antibiotico augmentin e la storia è finita li! gamba sgonfiata e varice seccata..
circa tre settimane fà la gamba inizia a gonfiarsi ancora..rossa,edematosa,lievemente dolorante alla palpazione (gonfia dal ginoccio al piede) circa 4cm di differenza dall'altra gamba e si riaperta la varice sempre superficiale. il mio medico di base mi ha dato augmentin 3 al giorno ma dopo 3 settimane il rossore è diminuito un pò ma la gamba e sempre gonfia.mi ha detto di aggiungere 1\2 lasix e di vedere..mi hatto fare un tampone per l'ulcera ed è NEGATIVO.
ora dottore vorrei sapere un quadro della situazione secondo lei!
io sono un infermiere di pronto soccorso e sinceramente ho una paura che me lo ricoverano e non lo vorrei capisce! se fosse tvp non si potrebbe curare a casa cmq?
ad ogni modo la ringrazio anticipatamente per la risposta al mio quesito. cordialità!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente
il quadro clinico che descrive appare molto complesso e non facilmente interpretabile a distanza.
È difficile in particolare capire da questa postazione se si tratti di episodi ricorrenti di erisipela (dermolinfangite batterica caratterizzata da rialzo termico importante con brivido) o piuttosto di trombosi venosa profonda. Si tratta di due condizioni che richiedono trattamenti molto diversi, la cui fattibilità a domicilio dipende dalle condizioni cliniche del paziente. Va evitata in ogni caso l'eccessiva disidratazione (attenzione ai diuretici ed al caldo).