Utente 264XXX
Salve,
Sono un giovane 23enne ed ho la necessità di un consulto.
Il 23 luglio sono partito alla volta delle vacanze estive. Destinazione sardegna.
Dopo pochi giorni di permanenza ed un'attività sessuale stabile a ritmi comunque non diversi da quelli abituali, durante il rapporto sentii un fastidioso bruciore.
All'apparenza il pene si presentava normalissimo ma, scoprendo il glande ho notato che, a partire da frenulo per un raggio di circa 7-8 mm, risultava essere arrosato.
Interrotti i rapporti per qualche giorno, sciacquando il glande con acido borico (usato in passato per lo stesso motivo simultaneamente al "lamisil") e cospargendolo di "pasta fissan e Gentalin beta" la situazione sembrava migliorata.
Al primo rapporto però la pella del prepuzio risultava meno elastica, come se fosse secca.
Interrompendo nuovamente i rapporti e continuando con la suddetta combinazione di farmaci, la situazione è cambiata.

Ora il glande è arrossato nella zona del frenulo, leggermente screpolato in corrispondenza della corona e, raramente, avverto un leggero prurito.

La cosa inizia a preoccuparmi anche perchè sembra che ciò che è stato finora, ha solo temporaneamente risolto il problema.

Inoltre volevo chiedere: Ha senso interrompere l'utilizzo delle creme Pasata Fissa e Gentalin beta sostituendole con il Lamisil?

In attesa di Vs riscontro, auguro buona giornata.

Distinti Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,dinanzi a delle balanopostiti ricorrenti,una diagnosieziologica si impone,esulando,cosi',da iniziative personali che non possono che complicare il quadro clinico con terapie non motivate.Esegua un tampone del secreto balanico.Cordialita'.