Utente 371XXX
Buongiorno,
da oltre un anno non riesco a raggiungere l'orgasmo, nè durante i rapporti sessuali, nè con la masturbazione.
Il desiderio sessuale e l'erezione mi sembrano del tutto regolari, l'eiaculazione un po' ridotta. Con l'eiaculazione non avverto neanche il senso di "svuotamento" che avvertivo prima. Siccome dopo l'eiaculazione il desiderio sessuale permane, ho provato a ripetere il rapporto, ma senza buoni risultati (eiaculazione ancora più scarsa e piacere praticamente assente). La mia impressione è che possa esserci qualche causa fisica, perchè in questo periodo ho sempre riscontrato il problema, in diverse situazioni, anche emotivamente molto coinvolgenti.
Ho 40 anni, conduco una vita sessuale regolare (non particolarmente intensa) e non assumo farmaci.
Alle volte avverto un leggero dolore ad un testicolo, che, una sola volta, si è esteso all'addome e alla gamba (...magari è solo una coincidenza!).
Potete darmi qualche consiglio?
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

sicuramente un cvonsulto in diretta con lo specialista per valutare anche la situazione prostatica che insieme al dolore che ci segnala potrebbe essere interessata in un processo infiammatorio che genera la causa dei suoi problemi. Si consulti eventualmente con il suo medico di base e se servisse siamo a disposizione.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

i quadri di iporgasmia ( orgasmo ridotto di intensità) o di anorgasmia ( assenza della sensazione dell'orgasmo) associato o meno alla eiaculazione ed altri quadri di alterata sensazione orgasmica possono essere legati a fattori generali ma, spesso, non si riesce ad individuarne la natura e, quindi, la soluzione.
diventa comunque importante una valutazione andrologica che possa individuare i fattori causali del fenomeno
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività
4% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

posso aggiungere che, una volta effettuati gli accertamenti andrologici del caso, qualora non si ravvisasse una causa (e quindi una soluzione al problema) potrebbe essere utile una consulenza sessuologica che possa indagare ambiti di tipo psicopatologici e di tipo relazionali.

Talvolta tali componenti, non sempre così evidenti, si sono dimostrate cause scatenanti (o perduranti) la sintomatologia descritta.
[#4] dopo  
Utente 371XXX

Iscritto dal 2007
Grazie innanzi tutto per le indicazioni che mi avete dato.
Sono andato dal mio medico di base, che mi ha prescritto una visita andrologica; ho provato a prenotare tramite il servizio sanitario, ma, su tutta Milano, le prime disponibilità sono per novembre. A questo punto mi sa che dovrò cercare una prestazione privatamente: sapete consigliarmi a chi rivolgermi?

Grazie ancora e cordiali saluti.
[#5] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.le utente

In questo forum esiste un elenco aggiornato degli specialisti che operano anche nella sua zona.

Ancora cordiali saluti