Utente 271XXX
Salve,sono un uomo di 39 anni;ad aprile ho interrotto una relazione con una donna durata circa 3 anni in cui non ho mai riscontrato problemi a livello di erezione;ad agosto ho rivisto una donna (con cui anni fa avevo avuto dei rapporti molto soddisfacenti per entrambi) ma ho riscontrato dei problemi : sebbene nei primi giorni trascorsi insieme avessimo avuto numerosi rapporti sessuali (in cui però avvertivo che l'erezione non era quella solita ma di livello lievemente inferiore), la sera prima di salutarci (lei non vive nella mia città) all'atto di indossare il preservativo ho perso l'erezione, dopodichè questa andava e veniva ma non sono più riuscito a recuperarla; lei mi disse che mi capiva e che secondo lei poteva capitare, continuammo con delle pratiche manuali. Tuttavia da allora ho notato che qualcosa per me e' cambiato: anche nella masturbazione, l'erezione va e viene, e soprattutto, mentre prima riuscivo , concentrandomi, ad avere un'erezione, adesso questo non mi accade più in alcun modo. La scorsa settimana ho rivisto la donna di agosto, e nei 3 giorni passati insieme non ho mai avuto un'erezione soddisfacente, nel senso che non appena mi accorgevo, durante i preliminari, che il mio pene era in erezione, questa spariva quasi immediatamente ; in realta', anche al mattino , le rare volte in cui adesso ho erezioni al risveglio, queste spariscono immediatamente appena mi rendo conto della turgidità del mio pene. E' un problema che mi sta creando molta tristezza e nervosismo, suppongo, vista l'insorgenza , che abbia natura psicologica, e vi ringrazio se avrete la pazienza di leggere questo (lungo) resoconto e di indirizzarmi al meglio per la sua risoluzione, buonasera

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,i risvolti psicologici sono scontati ma,come vede,non bastano a chiarire il quadro clinico che necessita di una diagnosi rigorosa che prenda atto anche dello stile di vita (alcol,fumo etc.),oltre che valutare il benessere del meccanismo neuro-vascuo-ormonale che permette di ottenere e mantenere una buona erezione.Consulti un esperto andrologo e ci aggiorni in merito,evitando facili banalizzazioni,fuorvianti e non risolutive legate ad assunzioni non guidate di farmaci pro-erettili.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 271XXX

Iscritto dal 2012
Salve, la ringrazio per la risposta. Volevo aggiungere che non ho mai fumato, e da quando ho riscontrato questo problema limito il consumo di alcol alle sole serate del venerdi e/o sabato ; tuttavia ero ai limiti dell'obesità ad agosto, e da allora ho perso circa 8 kg perche' sto seguendo un'alimentazione controllata e una serie di esercizi ginnici ; quando parla di valutare il benessere del meccanismo neuro-vascuo-ormonale intende che devo sottopormi ad una serie di accertamenti clinici ? grazie ancora, buonasera
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
....la diagnosi andrologica si impone.Cordialità.