Utente 191XXX
Gentilissimi Dottori,
vi chiedo cortesemente parere riguardo al mio problema di ipertensione arteriosa dall'anno 2004 inizio una cura con 25 mg di atenololo per controllare pressione minima.Quest'anno dopo un rialzamento della pressione 165/116 che mi porta in un prontosoccorso dove mi invitano ad eseguire un ecocolordoppler e map . Ora in cura con IRBESARTAN 150mg matt/150 mg sera .
Referto ecocolordoppler:
Normale per dimensioni,cinesi parietale basale e spessori (11 mm)la cavità ventricolare sinistra.Volume telediastolico ventricolare sinistro calcolato con metodo di Simpson monoplano=118 ml.
Normale funzione sistolica con frazione di eiezione >55%.
Pattern di flusso transmitralico indicativo di normale pressione atriale sinistra.
Normale per dimensioni e cinesi la cavità ventricolare destra.
Normali per dimensioni le cavità atriali.
Normali per morfologia e caratteristiche dei flussi gli apparati valvolari semilunari e atrio-ventricolari (minimo rigurgito valvolare aortico).
Ectasia del bulbo aortico (43 mm) nella norma le dimensioni della giunzionesino-tubulare e dell'aorta ascendente prossimale (39 mm)

Da questa anamnesi cosa devo fare per il prossimo futuro sono un uomo di 54 anni peso circa 97 kg. altezza 178 cm
Porgo cordiali saluti resto in attesa di una vostra risposta.
Carlo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Il Suo ecocardiogramma, se si esclude una iniziale ectasia della radice aortica, non mostra nulla di rilevante. Ciò significa che l'ipertensione arteriosa, ancorchè insorta precocemente (46 anni di età), non ha causato particolari danni al Suo cuore.
Continui pertanto scrupolosamente la terapia ed il regime dietetico prescritti dal medico e si sottoponga a periodiche visite specialistiche cardiologiche, nel corso delle quali il collega Le consiglierà gli approfondimenti diagnostici che di volta in volta si renderanno opportuni.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
Gentilissimo Dottore,
ringraziandola per la sua esaustiva e celere risposta che mi ha tranquillizzato, le invio i miei più cordiali saluti.
Carlo.
[#3] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
Gentilissimo dottore,mi permetto di disturbarla ancora per chiederle ,
se in riferimento al risultato del mio ecodoppler possano esserci delle eventuali ectasie /dilatazioni nella aorta discendente(addominale) il mio medico vuole farmi fare una ,
angio-tac-torace con metodo di contrasto.
In attesa suo gentile riscontro le invio le mie cordialità.
[#4] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
In verità dall'ecocardiogramma non possono emergere sospetti circa la presenza di un aneurisma dell'aorta addominale.
Se il Suo medico Le ha prescritto un'angiotac, sarà perchè ha colto all'esame clinico alcuni elementi (abnormi pulsatilità, soffi, ecc.) che gli hanno suggerito tale approfondimento diagnostico.
Naturalmente, maggiori e più precise delucidazioni in merito potranno esserLe fornite dal Suo medico stesso.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
Gentile e esaustivo come sempre la ringrazio e le auguro Buone Feste.