Utente 283XXX
Salve. Un mio parente ha avuto una diverticolite a livello del sigma con perforazione e peritonite saccata. E' stato dunque sottoposto ad un intervento di resezione di parte del colon discendente e del sigma (circa quaranta cm) e confezionamento di uno stoma, e in seconda battuta un'anastomosi colorettale finale, secondo la manovra di Hartmann.
Gli è stato detto che tutti sintomi che avrebbe accusato sarebbero stati "normali". Considerato questo, gli è stato anche riferito che le escursioni termiche (nel caso specifico, dal freddo al caldo) lo avrebbero debilitato ulteriormente. Ed è proprio per questo che ho bisogno di un consiglio medico: è possibile che sia davvero il caldo a farlo sentire, come lui stesso dice , "svuotato", a costringerlo a letto con gli occhi chiusi e alquanto disorientato? Se la risposta fosse affermativa, ci sono rimedi farmacologici, o comunque terapeutici, per tale "sintomo-normale"?
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Le escursioni termiche non hanno alcuna correlazione col tipo di intervento. È ovvio che nei primi tempi post intervento la ripresa è in relazione all'età,alle condizioni generali pre intervento,al fatto che il paziente sia un fumatore ecc.è altrettanto ovvio che le lunghe esposizioni sl freddo o all'umidità non aiutano la convalescenza.
[#2] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, i sintomi che il suo parente riferisce non sono nello specifico da addurre all'intervento subito, ma probabilmente ancora deve assestarsi dallo stress chirurgico. Il caldo ed il freddo invece possono influire sulla digestione e sulla motilità intestinale, indipendentemente dall'intervento. Le raccomandazioni quindi sono più comportamentali che farmacologiche.
Distinti saluti.