Utente 812XXX
Mia cognata di 40 anni ha avuto arresto cardiaco in seguito le è stato impiantato un defibillatore.
La figlia di 11 anni ha eseguito ecodoppler al cuore e la risposta dice sospetto miocardio compatto.Può essere la stessa patologia? corre gli stessi rischi? In quale ospedali sono specializzati in cardiologia pediatrica?Se lo fosse come si può intervenire, anche se la bimba non ha nessun sintomo?
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Credo che lei abbia capito male: il sospetto per la bambina probabilmente è di miocardio NON compatto. Diagnosi che può essere fatta con l'ecocardiogramma ma è più precisa con la risonanza magnetica.
Per quel che riguarda la mamma, ci sono diverse patologie che possono causare aritmie e richiedere l'impianto di un defibrillatore; alcune possono avere un andamento familiare.
Come cardiologia pediatrica, quella del Policlinico Universitario di Padova, diretta dalla dott. ssa Ornella Milanesi, è validissima. Inoltre la dottoressa è molto gentile e disponibile. Vi consiglierei di far vedere a lei la bambina, portando anche tutta la documentazione relativa alla mamma e ad eventuali altri parenti che abbiano avuto problemi di cuore o siano morti improvvisamente. Lei poi vi dirà quali altri accertamenti fare e dove. e anche se potete farvi seguire in seguito da qualcuno più vicino a voi.

Vi faccio molti auguri
[#2] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Credo che Lei si riferisca al miocardio NON compattato: essa è una patologia del miocardio di origine genetica che porta ad una alterazione della struttura della parete del muscolo cardiaco. Questa miocardiopatia non è ancora ben conosciuta, di non facile diagnosi e la cui prognosi è estremamente variabile da caso a caso. Se la diagnosi fosse confermata, è necessario che la piccola venga sottoposta nei prossimi anni a periodiche visite ed indagini strumentali. La necessità di terapie dipenderà dal decorso: infatti infatti alcune forme restano stabili per anni mentre altre (fortunatamente in minoranza) possono evolvere in aritmie o scompenso cardiaco.
Per quanto riguarda la mamma della bambina, le cause di arresto cardiaco sono molteplici e non necessariamente riconducibili alla patologia riscontrata alla figlia.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Gentile utente, io e il dott, Fedi abbiamo scritto contemporaneamente e all'insaputa l'uno dell' altra la risposta... ma come vede abbiamo scritto più o meno le stesse cose! Questo a me fa piacere e dovrebbe rassicurarla.
Io ho aggiunto solo il consiglio sulla cardiologia pediatrica perché conosco quella di Padova e mi sembra abbastanza in zona per voi.