Utente 687XXX
Salve, negli anni passati sono stata operata per 2 volte alla ghiandola di Barolini in seguito ad un infammazione molto forte. In entrambe i casi mi e' stata eseguita la marsupializzazione perche'la ghiandola era sempre troppo piccola per essere rimossa. Sono passati 3 anni dall'ultiom intervento e ad oggi ho ancora un piccolo foro in concomitanza dell'incisione che non si e' mai rimarginato e da cui esce pus costantemente e che mi crea disagi tipo sporadiche fitte di dolore (stile ascesso)etc. Ho fatto cure naturali e non (cicli di antibiotici) ma la situazione e' assolutamente immutata da 3 anni ad oggi. Ho visitato molti ginecologi (veramente molti!) e mi hanno detto tutti che la ghiandola e' a posto e che non si puo' fare nulla, al massimo per operare si puo' aspettare che la ghiadola si infiammi ancora e che fino ad allora mi devo tenere questo foro che spurga per sempre (!!!). Ma io mi domando: se la ghiandola e' a posto potrebbe non re-infiammarsi piu, quindi e' ovvio che il pus e il foro dipendono da qualcos'altro. Secondo la mia modesta opinione io credo che mi sia formata una fistola in seguito all'operazione. Io non posso rimanere cosi', anche perche non mi sento a mio agio nell'avere alcuna attivita' sessuale con questo problema, percui volevo sapere se visto che i ginecologi non possono aiutarmi e' il caso che veda direttmente un altro specialista ? Ma quale? Se veramente fosse una fistola (questo e' quello che credo io) devo andare dal chirurgo? E che tipo di chirirgo devo vedere? Generico?
Non so piu che fare, sono anni che vado avanti con questa cosa e sono demoralizzata perche' tutti i medici che ho visto l'hanno molto sottovalutata, ma per me e' vermanente un diasgio e un fastidio quotidiano non indifferente. Potete indicarmi a chi rivolgermi? Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Forse un' ecografia transanale ed il parere di un proctologo potrebbero essere utili.
Auguri!
[#2] dopo  
Utente 687XXX

Iscritto dal 2005
Anche se il problema e' nella zona vaginale (esterna) e non anale?
Comunque provero' anche questa via,
grazie
[#3] dopo  
Utente 687XXX

Iscritto dal 2005
Perfetto,
cerco subito uno specialista su Mialno, grazie e speriamo bene!
[#4] dopo  
Utente 687XXX

Iscritto dal 2005
Dott. Vitali,
grazie per il riferimento su Milano. Ho controllato su Internet e ho trovato l'indirizzo, ma risulta come Un chirirgo plastico/estetico, va bene lo stesso per il mio problema (scusi la mia ignoranza...)

Grazie
[#5] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
la Sua situazione mi sembra meno inquietante e complicata di quanto all'apparenza possa sembrare.
1) Lei è stata sottoposta ad intervento di marsupializzazione per probabile flogosi ascessuale di una ghiandola del Bartolino.
2) All'intervento è susseguita una fistola, complicanza frequente quando non si provvede alla asportazione in toto della ghiandola affetta.
3) La presenza della fistola di per sè giustifica la presenza di infezione e la fuoriuscita di pus dall'orifizio esterno del tramite fistoloso. Tuttavia io credo che anche il residuo ghiadolare sia possibile fonte di infezione. E' un pò come il cane che si morde la coda.
Lei deve ovviamente risolvere questo fastidiosissimo problema subito e definitivamente. La strada è solo quella chirurgica, con intervento di asportazione COMPLETA della ghiandola e del - o dei - tramiti fistolosi. Pena la sicura recidiva e persistenza della patologia.
Chi La dovrebbe operare? Ovviamente qualsiasi Chirurgo Generale ma, direi molto meglio, un esperto Ginecologo Chirurgo.
Prima dell'intervento è ovvio che dovrà sottoporsi ad accertamenti strumentali idoeni ad identificare i tramiti della fistola (utile l'ecografia trans-vaginale).
Affettuosi auguri di pronta risoluzione del Suo problema e un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO