Utente 283XXX
Gentili medici,
da anni non raggiungo mai erezioni di rigidità e durata sufficienti per una penetrazione anche in caso di autoerotismo e secondo gli andrologi si tratterebbe di fuga venosa primitiva grave, pur avendo avuto nella vita erezioni valide e durature.
Per questo vedesi anche consulti precedenti.

Anche le erezioni mattutine sono sempre state compromesse, ma questa mattina mi sono svegliato verso le 5 con il pene eretto e durissimo, sono sicuro con una rigidità del 100% che non osservavo da quando ero un ragazzino, tanto che non riuscivo a piegarlo e a mandarlo in avanti neppure di un cm., sembrava come fosse incollato all' addome!
Avevo la sensazione di aver riposato benissimo, cioè un sonno ristorante come accade sempre se assumo alla sera prima di coricarmi una dose di 2 gr. di Arginina.
Questo fenomeno è durato forse un minuto nel sonnoveglia e poi appena sveglio del tutto si è sgonfiato molto rapidamente come bucare un palloncino ed è tornato in condizioni di riposo nel giro di pochi secondi.

Vorrei sapere: in un soggetto con grave deficit erettile, che significato ha osservare una erezione mattutina al 100%, pur di breve durata?
Un medico una volta mi disse che avere erezioni notturne valide può escludere la fuga venosa, ma non può escludere problematiche arteriose: secondo voi sono giuste queste considerazioni?

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
http://www.medicitalia.it/giorgiocavallini/news/357/Deficit-erettivo-da-fuga-venosa-l-araba-fenicia
ecco cosa si pensa attualmente della fuga venosa. personalmente sentirei un' altra campana, parlo di andrologi,.
[#2] dopo  


dal 2013
Gentilissimo Dottor Cavallini

Si, avevo già visto questo ottimo articolo, ma come lo spiega che prima il pene in erezione quando mi svegliavo, rimaneva rigido a lungo?
E come mai quando mi masturbo l' erezione è sempre nettamente inferiore a quella di questa erezione notturna?
Considerando gli esami standard del sangue e ormonali e nella norma, ritiene possibile un problema funzionale anzichè organico?

GRAZIE
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Io non spiego nulla: dico che c' è da fare diagnosi seria, poi le erziooni mattutine/spontanee hanno nullo significato clinico.
[#4] dopo  


dal 2013
Certo, ma almeno dovrebbero dire che i corpi cavernosi e le strutture vascolari non hanno gravissimi problemi, almeno a quello che ho capito io.

Semmai ho una prostatite cronica: ritiene possibile un ipertono del pavimento pelvico la causa di questi problemi?

L' andrologo che mi segue ha detto che la prostatite potrebbe essere responsabile di problemi erettili, ma nel mio caso visto che ho scarsi sintomi di disuria, la funzione erettile dovrebbe essere migliore.
Ho parecchie calcificazioni a carico della prostata e secondo il mio medico di famiglia l' eschericia coli (riscontrata nel liquido seminale) non è senz'altro l' unica responsabile.
Ho la calcemia bassa causa un problema sulla vitamina D e sono teso a livello nervoso, non muscolare, ci può entrare quella come sintomo di ipocalcemia?
ù
SALUTI
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Evitiamno ulteriori ipotesi e passiamo ai fatti.
[#6] dopo  


dal 2013
E proprio quanto ai fatti il mio andrologo vuole fare una cavernosometria, ma siccome l' ecocolordoppler non risultò attendibile causa scarsa erezione dopo somministrazione di vasoattivo, ho il timore di rifare la stessa fine.

Forse ha ragione Lei, sarà bene che senta un altro andrologo meno fissato sulla fuga venosa.
Purtroppo la mia teoria da paziente non la vuole ascoltare nessuno, quindi...
Io do colpa e non di poco ad una condizione di tensione e stress, ma tutti dicono che lo stress non è causa di niente.

La ringrazio e seguirò i Suoi consigli di sentire un' altra "campana".

Distinti Saluti
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Senta un' altra campana, che la cavernosometria non si usa più dal 1999. Personalmente vista l' età e la risposta ecodppler una idea ce la avrei: penso ad fattore psicogeno. Ma aspettiamo la nuova campana.
[#8] dopo  


dal 2013
Eventualmente inserisco un nuovo consulto su urologia perche credo che quanto alla prostata sia l' area più indicata.
Quanto all' impotenza, ho parlato con il mio urologo e mi ha detto che posso rimandare l' esame di cavernosometria (o in alternativa ripetere il colordoppler) a prostata stabilizzata completamente (non esclude una correlazione del d.e. con la prostatite).
Lui ribadisce che è fuga venosa ed è convinto che possa essere una forma primitiva organica al 50%, come un sintomo funzionale sempre al 50%, ma dice che se raggiungo la massima rigidità anche per poco il circolo arterioso è indenne da problematiche, se questa rigidità cessa come accade a me, è indice di disfunzione venocclusiva.
In pratica secondo lui erezione debole=problema arterioso organico o funzionale; erezione rigida ma di scarsa durata=fuga venosa organica o funzionale.
Questo quello che mi ha detto dopo averle riferito l' episodio di erezione notturna rigidissima, ma che è scomparsa molto rapidamente al risveglio.

Grazie 1000 del Suo contributo.

Cordiali Saluti
[#9] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
le ho già dato adeguate risposte.-
[#10] dopo  


dal 2013
Ok