Utente 236XXX
Gentili medici, come ben sintetizzato dal titolo, in questo ultimo mese e mezzo sto avendo problemi di erezione.
Ho 20 anni. Ho già letto gli articoli e i consulti di altri pazienti..
Fino a prima tutto perfetto, ora invece la mia erezione è debole e appena sufficiente per fare sesso (ma è quasi fastidioso).
Escluderei una causa psicologica, dato che in primis non riesco nemmeno a masturbarmi (da seduto meglio che in piedi) ed inoltre le erezioni mattutine sono sparite (prima erano presenti ma non frequenti)
Aggiungo che a volte mi capita, pochi secondi dopo aver urinato ed essermi rivestito, di sentire che esce ancora un po' di urina (perdonatemi il termine ma non è la classica goccia nella mutanda, in quanto sento proprio che esce un altro piccolissimo getto).
Ultimamente mi è successo un paio di volte di avere dei crampi di all'ano, come se tirasse all'indentro, ma penso possa essere casuale.
Infine un'informazione apparentemente forse stupida: il mio pene flaccido è sicuramente abbastanza lungo, e avendo giocato a calcio sin da piccolo si sono sempre sprecate battute. In erezione tuttavia non ha mai superato i 15 cm, dato che sembrerebbe essere esattamente nella media. Sicuramente può essere una casualità, ma forse significa che il mio pene non è mai stato davvero ben "irrorato". Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
per quanto ne possa pensare la disfunzioni erettile nella stragrande maggioranza delle ipotesi è determinata da più di una causa fra di loro concatenate compresa la influenza psicologica. Ovviamente ciascuna causa può avere un diverso peso nel determinismo. Possono scomparire le erezioni mattutine percepite, ma quelle notturne non percepite sono sempre presenti in numero, durata e qualità notturna. Consulti un andrologo che le ispira fiducia e cerchi iniseme a lui di affrontare e risolvere il problema.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dal collega Scalese, che mi ha preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html .

Un cordiale saluto.