Utente 289XXX
Buonasera,
vi scrivo perchè mio figlio che ha 21 anni, ha un problema che gli sta causando molte preoccupazioni. Durante un rapporto sessuale, non ha avuto l'erezione. Questa non è la prima volta che gli accade. Gli è successo nuovamente circa 1 anno fa. Ha fatto una visita specialistica e il medico gli aveva detto che era solo questione di stress. Lui non è rimasto molto soddisfatto da questa risposta. Ha una vita sessuale molto attiva e questo gli sta creando molta ansia. E' un soggetto molto ansioso. Gentilmente vorrei che mi diceste cosa deve fare per risolvere questo problema, che tipo di analisi e soprattutto cosa devo dirgli per alleviare questa sua preoccupazione... GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

lo stress psicofisico può determinare un calo erettivo che si traduce in uno stato d'ansia che può alimentare il processo innescando un circuito che si autoalimenta. Le défaillance in un giovane con una intensa vita sex sono all'ordine del giorno, tranquillizzi suo figlio e se gli episodi continuassero si consulti con un bravo andrologo che possa escludere problematiche di tipo organico e quindi consigliarla per un consulto psicosessuologico.

Cordialità
[#2] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio dottore per la sua tempestiva risposta. Ho dimenticato di dirle che mio figlio, 2 o 3 volte l'anno, fa un ciclo di due scatole di Bioscalin per rinforzare i capelli. Mi chiedo se questo farmaco possa influire sul suo problema. Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
direi che non possa incidere sulla situazione da lei descritta.

Ancora cordialità
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
come da lei scritto, suo figlio ha fatto una visita specilaistica che ha escluso cause organiche ed ha detto che si tratta di stress.

La parola stress e, per di più correlata alla sfera della sessualità, in un paziente giovane, va accuratamente diagnosticata.
Le cause che correlano ad un "d.e secondario giovanile", sono tante e tali, che soltanto mediante una consulenza adeguata si possono interpretare e comprendere.

Possono essere correlate agli stili di vita, alla relazione in cui la sessualità abita, all'immaginario erotico, a cause ambientali, da cattivo appredimento sessuale, psichiche, .....

Consideri, che spesso il corpo sperimenta una "memoria corporea del fallimento", quindi un episodio di deficit erettivo, che ha generato ansie e disagi, verrà riprosto come un copione disfunzionale .

Le allego qualche lettura sul d.e, per orientarsi meglio ed indirizzare suo figlio adeguatamente .
Cari auguri

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1929/Mancanza-d-erezione-il-sintomo-va-sempre-tolto-o-talvolta-mantenuto
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1593/Mancanza-d-erezione-10-cose-da-sapere
http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-problema-coppia-ruolo-partner.html
[#5] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
cara signora,

una defaillance o più defailllances sessuali in un giovane spessso sono legate a fatti ansiosi, emozionali.....ma non si può escludere che possano essere presenti , anche a 20 anni, problemi fisici, circolatori, vascolari, ormonali....che non possono essere "sbrigati" esclusi con una semplice visita andrologica....sarebbe tropppo facile fare diagnosi andrologiche.
Che poi possano necessariamente esistere problematiche psicologiche mi sembra abbastanza ovvio. Vorrei vedere se un maschio di 20 anni che non riesce a completare un rappporto sessuale non vada in contro ad uno stato di ansia SECONDARIA che sicuramente accentua il suo problema magari di tipo vascolare
Un buon andrologo, esame rigiscan, esame ecocolrdoppler, ormoni,.
Cari saluti
[#6] dopo  
Utente 289XXX

Iscritto dal 2013
Grazie dottori per le vostre risposte... spero che mio figlio riesca a superare questo, per lui, enorme problema. Ci affideremo ad un buon andrologo. Grazie ancora.