Utente 295XXX
Salve, premesso che nel settembre 2010 ho subito un intervento con conseguente asportazione della prostata a giorni e precisamente non appena la parte sara' disinfiammata dovrei subire un intervento in laparoscopia per rimozione di alcune pietre alla colecisti. IL mio medico di base è contrario in quanto sostiene che con questa tecnica verrebbe gonfiato lo stomaco e ciò a suo dire sarebbe rischioso visto il precedente intervento sù scritto. Per questa ragione chiedo un vostro parere. Cordialità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente,una colecistite acuta con calcoli richiede l'intervento chirurgico di asportazione della colecisti.Il momento per intervenire e la tecnica da utilizzare spetta al chirurgo operatore.Essere un operato di prostatectomia(regione pelvica)non rappresenta una controindicazione alla chirurgia laparoscopica,tranne che non esistano problematiche cardiorespiratorie importanti.Anche la presenza di cicatrici per altri interventi addominali,non controindica in mani esperte la procedura laparoscopica.Del resto si può' sempre cominciare in laparoscopia e se non è possibile continuare(aderenze tenaci,visione non chiara,alterazioni anatomiche etc...)si converte in chirurgia aperta.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 295XXX

Iscritto dal 2013
Ringrazio il Dottore per la sollecita risposta.
Cordialità.