Utente 257XXX
Egregio dott.
Ho 65 anni, alto cm. 172, peso kg 73.
L'ecg con sforzo la seguente interpretazione:
Sommario: ECG basale: ritardo di conduzione intraventricolare. Capacità funzionale: corrispondente all'età: Variazione FC sotto sforzo: corrispondente all'età. Variazione PA sotto sforzo: a riposo: normale - variazione normale. Disturbi tipo angina pectoris: nessuno. Aritmia: BEV, battiti singoli. Variazione tratto ST: sottoslivellamento tratto ST ascendente, sottoslivellamento tratto ST orizzontale. Impressione generale: Prova da sforzo equivoca.
COMMENTO:
INCREMENTO ARMONICO DELLA FC E DELLA PA DURANTE LO SFORZO.
NON ANGOR DURANTE IL TEST.
ALTERAZIONI DEL TRATTO ST-T CON SOTTOSLIVELLAMENTODI CIRCA 1 MM A 75 W E DI 1,5-2 ALL'ACME, CON LENTO RECUPERO, DUBBIO PER RIDOTTA RISERVA CORONARICA.
PROVA DA SFORZO EQUIVOCA PER RIDOTTA RISERVA COONARICA.

Per quanto sopra, desidererei un consiglio su eventuali ulteriori accertamenti.
Ho effettuato detto esame perché, in alcuni brevi periodi soffro di extrasistole e di pressione un po' alta.
Cordiali saluti e ringraziamenti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
L'esame che può "tagliare la testa al toro", per così dire, è quello gold standard ossia la coronarografia. Ne parli con il suo cardiologo di fiducia.
Saluti cordiali
[#2] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
Grazie del consiglio.
Distinti saluti