Utente 295XXX
Brevemente, è iniziato tutto con una tonsillite quasi due mesi fa e poi mi è uscito uno sfogo in quasi tutto il corpo. Il tampone faringeo è risultato positivo a staphylococcus warneri e pseudomonas aeruginosa. Il medico mi ha pescritto Ciproxin che sto prendendo già da una settimana. Lo sfogo è passato ma da qualche giorno mi sono usciti dei piccoli brufoletti in faccia. Il medico mi ha visto oggi e mi ha detto di prendere Formistin. Poi è da un pò, quasi un mese forse, che ho qualche dolore muscolare, come se avessi fatto uno sforzo fisico, nelle braccia e nelle gambe. E ultimamente ho avuto anche dolori alle articolazioni: ginocchio, polsi, gomito, spalle. Adesso ho dolore ai piedi, mi fa un pò male a camminare. Forse perchè ieri ho sforzato camminando un pò più del solito, ma non è normale comunque che abbia questo dolore.
Il mio medico mi ha detto di prendere Ciproxin per 10 giorni e se lo reggo, di continuare a prenderlo altri 5 o 6. Poi aspettare una settimana e ripetere il tampone per vedere se ci sono ancora i batteri.
Ma sono preoccupata per questi dolori articolari, perchè su internet ho letto cose catastrofiche riguardo a questo pseudomonas aeruginosa. Ho letto che è molto resistente agli antibiotici, che ce ne vogliono due combinati insieme per debellarlo e che può essere letale... Vorrei un vostro parere a riguardo, se mi devo preoccupare e sapere se sto curando con una terapia adeguata...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
innanzitutto Le chiedo scusa per il ritardo con cui replichiamo.
La comparsa di un rash cutaneo e di artro-mialgie in seguito all'evento infiammatorio iniziale ampliano i confini della Sua tonsillite a configurare un evento più complesso, che - seppur con pochi elementi a disposizione - appare più probabilmente immunomediato, piuttosto che sostenuto dai microrganismi.
Certe "reazioni" solitamente tendono (dopo il trattamento terapeutico, che non è possibile giudicare senza una valutazione completa) ad autolimitarsi talora anche molto lentamente. A volte cronicizzano.
Pertanto sarà opportuna una valutazione immunologica/reumatologica nel caso in cui il problema dovesse persistere.
Saluti,