Utente 303XXX
Gentili Dottori,

dovrò sottopormi a questi due piccoli interventi: il primo in data 29 Maggio e il secondo nella stessa settimana o comunque nei paraggi (ancora non ho il giorno esatto).

A tal proposito Vi volevo chiedere:

1) Il primo dei due interventi (che sfortunatamente, come già detto non so quale sia) e la relativa degenza, potrebbe compromettere la buona riuscita del secondo? Ci sono controindicazioni o impossibilità pratiche di effettuare un secondo intervento nella zona interessata?

2) In entrambi i casi, di quanti giorni di degenza si parla? E se fosse possibile eseguirli a distanza ravvicinata (come richiesto nella prima domanda) la degenza potrebbe prolungarsi?

Infine volevo domandarvi se a vostro avviso, fosse possibile effettuare assieme i due interventi. Il mio medico curante mi ha consigliato di chiedere, ma dall'ospedale in cui eseguirò la scleroembolizzazione, mi rispondo che sarà l'urologo a valutare al momento dell'operazione.
Ho quindi qualche speranza o sarà difficile che mi spostino in sala operatoria per il fissaggio del testicolo il giorno stesso della scleroembolizzazione?

Vi ringrazio anticipatamente,
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la discrezionalità dello specialista reale è totale,per cui,da questa postazione telematica,non è possibile esprimersi in merito,comunque,ad una problematica che non mi sembra così drammatica...Non sono molto convinto sula necessità di una fissazione,non trasmettendoci dati clinici in merito.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per la risposta.
Per quanto riguarda la fissazione, ho una richiesta di ricovero firmata, in seguito a una visita che ha rivelato un'ipermobilità del testicolo.
L'idea della torsione del testicolo mi spaventa alquanto, vorrei sapere se si può stare tranquilli o se, per quanto riguarda un ipermobilità, c'è quindi da preoccuparsi.

Per quanto riguarda la scleroembolizzazione, invece vorrei sapere dopo quanto tempo si può tornare attivi, sia a livello lavorativo che non.

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

personalmente non sono molto d'accordo con l'effettuare un intervento di fissazione testicolare in un soggetto adulto nel sospetto di fenomeni di subtorsione.
Dovendo fare un intervento al varicocele, allora perchè non procedere ad una scleroterapia sec.tauber che potrebbe consentire la contemporaneitità degli atti chirurgici?
comeunque i suoi curanti avranno avuto le loro buone ragioni per consigliarle tale procedura
cari saluti
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...sulla fissazione del testicolo confermo le mie perplessità sulla utilità,particolarmente in un soggetto non obeso.Per la sceloembolizzazione,dopo un paio di giorni può ritornare al lavoro (quale?),dopo una decina di giorni può avere rapporti sessuali e dopo 20 gg. può praticare sport (quale?).Va da se che l'unica opinione che conti sia quella del radiointerventista.Cordialità.
[#5] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Vi ringrazio per le risposte e le vostre premure.
Allora, vado con ordine.

Giusto per darvi un'idea ho 22 anni e ho un varicocele di 4° grado a sx e uno di 2° a dx.

Gli esami quali spermiogramma, ecografia testicolare e dopper che hanno portato alla scoperta del varicocele, sono stati dettati da un dolore acuto ai testicoli (principalmente il destro).
Dopo tanto peregrinare un solo andrologo ha riscontrato l'ipermobilità del testicolo dx e in concomitanza con l'idea che il varicocele solitamente è asintomatico (o eventualmente causa di un dolore sordo/pesantezza del testicolo) si è pensato che il dolore al testicolo dx riguardasse questa ipermobilità.
Da qui, l'idea del fissaggio, in modo da evitare complicazioni e dolori.

Vi segnalo che il dolore è spesso molto forte e mi impedisce di camminare a passo svelto o di muovermi "avventatamente".

Svolgo un lavoro relativo alla ristorazione, quindi gli sforzi fisici sono ridotti, ma il movimento e la posizione eretta permangono.
Mi è stato comunque promesso un trattamento molto più accondiscendente, al mio ritorno.

Infine, essendo ignorante in materia, vorrei che mi spiegaste, se possibile, perchè sconsigliereste la fissazione, visto che mi è stato detto dall'andrologo, che questo sarebbe l'unico mezzo per ridurre all'osso una possibile torsione del testicolo.
[#6] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...a questo punto segua i consigli dell'andrologo di riferimento.Cordialità.
[#7] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Per quanto riguarda le domande sopra riportate è possibile avere qualche delucidazione?

Grazie ancora