Utente 305XXX
Gentili Dottori
è la prima volta che mi rivolgo a questo forum per chiedere il parere di medici esperti.
Ho 67 anni è sono in pensione. In passato non ho mai avuto seri problemi di salute tranne una fastidiosa gastrite e un gozzo alla tiroide che si è ridotto con l'assunzione di eutirox dagli anni 80. Successivamente è subentrata una tiroidite autoimmune e attualmente prendo eutirox 100 tutti i giorni. Da una risonanza megnetica effettuata da oltre 10 anni in seguito ad attacchi di vertigine, emersero problemi alle vertebre cervicali. Agli inizi degli anni 2000, cominciarono a manifestarsi frequenti episodi di exrasistole che avevo avuto già saltuariamente in passato. Nel 2007 ci furono mesi con disturbi continui che indagai con visite ed esami specialistici come holter 24 H, Holter pressorio, prova da sforzo su pedana, ecocuore, gastroscopia, acc. Risultati che attestarono un cuore sostanzialmente normale per l'età. Cominciai ad assumere cardicor 125, che continuo a predere tuttora. Le extrasistole andarono diradandosi ma spesso per uno sforzo o camminando (specie a stomaco pieno, anche dopo ore) continuano a manifestarsi episodi di disturbo del ritmo di breve durata che mi obbligano a fermarmi ed aspettare che si normalizzano. In certe occazioni ho sentito anche lieve dolore. In uno dei vari holter fatti successivamente si registrò un breve episodio di fibrillazione. Ho eseguito due volte l'ecostress presso l'ospedale attrezzato e solo in uno si manifestarono doppiette e triplette con ricomposizione del ritmo. Ho continuato a sottopormi a controlli specialistici ed ho cominciato ad assumere anche del pantoprazolo per ridurre eventuali infiammazioni di stomaco. Purtoppo i disturbi del ritmo continuano a manifestarsi quasi sempre quando cammino e non in occasione di sforzi particolari o salendo diversi piani di scale. Questa situazione mi stà stressando, ho paura di camminare, evito di correre e rinuncio ad andare in giro se non è necessario. Sarà che camminando si muove l'inestino e questo disturba il ritmo cardiaco?
Grazie dell'attenzione e porgo cordiali saluti.
Gianni

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
DA cio che lei scrive lei parrebbe avere aritmie da sforzo (non e' descritto se ventricolari o sopraventricolari9 e qualche episodietto di f.a.
La terapia che sta assumendo (1,25 mg di cardicor) e' a dosaggio pediatrico e certio non la potra' aiutare tenendo anche conto che assume levotiroxina.
Ne parli con il suo medico per modificare il dosaggio o cambiare farmaco
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 305XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per la solerte risposta.
Presto ripeterò l'Holter 24h e altre indagini e poi consulterò il cardiologo e riferirò sul consiglio di modificare l'assunzione del betabloccante.
Gianni