Utente 193XXX
Salve ho 34 anni da come si può ben leggere dai dati del mio profilo, e da un pò di anni soffro di questa orribile condizione.
Premetto che non ne avevo mai sofferto, sino a quando un bel giorno mi sono ritrovato in questa situazione.
Andando alla ricerca di una soluzione mi sono ritrovato ad affrontare vari medici ed ognuno ha seguito la sua strada, inizialmente mi hanno riscontrato un varicocele di terzo grado al testicolo sinistro, che ho tutt'ora dato che mi hanno detto che non era necessariamente da operare, un secondo medico inizialmente ha imputato il mio disturbo al frenulo corto consigliandomi un operazione che ho eseguito senza alcun risultato, e sempre lo stesso medico si è concentrato sulla mia prostatite, parlandomi se non vi fosse stata soluzione di poter ricorrere a farmaci tipo il Priligy. Cambiato specialista sono tutt'ora in cura per la mia prostatite ed ho per il momento effettuato dei cicli di antibiotici sostituiti ora da delle vitamine.
Quindi chiedo in questa sede se le terapie intraprese potrebbero risolvere il mio problema o se magari fosse consigliabile cambiare specialista e seguire un altro tipo di percorso.
Specifico che fin ora mi sono rivolto solo a specialisti di Urologia
Restando in attesa di una vostra risposta vi ringrazio cordialmente.
Cordialità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
ben raramente il frenulo breve da eiaculazione precoce, possibile che lo dia la prostatite, ma di qua non posso saperlo. Più frequente ancora che il problema sia psicogeno. Detto questo mi pare che si vada un po a "tentoni", la qual cosa la ha giustamente disorientata. Ponga ai colleghi la domanda se il suo non potesse essere un problema psicogeno.
[#2] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
Ho provato ad esternare le mie perplessità ai suoi colleghi ma mi hanno sempre rassicurato sul fatto che la cura avrebbe avuto i suoi frutti.
Cmq approfitto ancora un po' della sua cortesia per chiederle se vi siano in italia centri che si interessano di questa patologia nello specifico e nel caso come riuscire a contattarli.
Ringraziandola ancora per la sua cortesia la saluto cordialmente
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
A livello pubblico consiglio Urologia Univ. Federico II di Napoli. a livello Privato il dr. Izzo.