Utente 228XXX
Buongiorno, vi espongo il mio problema. Sono una donna di 40 anni, non fumatrice, in sovrappeso. A causa di problemi da tanti anni di stanchezza alle gambe, ho recentemente fatto un ecodoppler venoso con tale esito:

assi arteriosi di distribuz agli arti infer. con calibro, decorso, rapporti e flusso conservati bilateralmente.

A destra asse della s. interna con calibro conservato, pervio e continente alle crosse, si presenta incontinente all'hunter.

A sinistra asse della s. interna con calibro conservato , pervio e continente alle crosse , si presenta incontinente all'hunter.

Asse della s. esterna con calibro conservato , pervio e continente bilateralmente.
Circolo venoso profondo pervio con calibro , decorso, rapporti e flusso conservati bilateralmente; normoresponsivo alle manovre di compressione distale e prossimale bilateralmente.

CONCLUSIONI: esami dei basi arteriosi degli arti infer nella norma.
INSUFFICIENZA DELLA S. INTERNA ALL'HUNTER BILATERALMENTE.

Vorrei sapere in parole più semplici come è la mia situazione venosa e se il caso di fare un intervento di chirurgia. Cosa è l'hunter? E' il caso di fare una terapia farmacologica...? o altro? grazie
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
il reperto dell'esame sembrerebbe fare riferimento ad una incontinenza (cedimento del sistema valvolare che si oppone al reflusso) di un tratto ben definito delle Safene interne (parte inferiore della coscia).
Prima di porre una indicazione chirurgica (e scegliere eventualmente l'opzione più indicata) occorre fare una precisa valutazione dei sintomi considerando se essi siano con certezza correlabili con il reperto dopplersonografico, cosa che purtroppo è impossibile per noi a distanza.
Una terapia farmacologica potrebbe in ogni caso essere indicata, come pure la correzione dell'eccesso ponderale che riferisce.