Utente 307XXX
Vi espongo di seguito il mio problema: crescita tutto ok, sono alto 1,83 cm circa, magro, sviluppo del pene molto soddisfacente, peli

pubici in quantità, insomma tutto ok. Però la cosa che mi sconvolge e che mi deprime è che non sono mai, e ripeto MAI, riuscito ad

eiaculare volontariamente, in seguito a delle masturbazioni. Di eiaculazioni notturne ne ho avute almeno una volta a settimana,

sempre. Quando mi masturbo, negli ultimi anni soprattutto, non provo molto piacere, mi capita spesso di tirarmi i peli pubici o

"strofinare" la pelle del glande con la mano, provocando spesso momenti di fastidio. Cosa posso fare? È il caso di rivolgermi da un

andrologo in persona? La cosa è alquanto frustrante, perché non capisco se è un eccessivo ritardo di sviluppo del testosterone o cose

del genere, oppure c'è un serio problema.
P.S: durante il giorno ho delle erezioni molto frequenti, anzi, TROPPO frequenti, provocandomi situazioni di imbarazzo in pubblico o a

casa; non so da cosa dipenda, dal fatto che ultimamente mi masturbo raramente perché senza speranze o perché ho un pene molto

sensibile alle sollecitazioni?
P.S: mi è sempre capitato che, dopo anche 5 minuti di masturbazione, il pene comincia a gonfiarsi, più che altro la pelle; non provo

particolarmente dolore, più che altro una sensazione di lieve solletico. Inoltre ci sono state delle rare occasioni in cui dopo una

erezione il pene mi faceva molto male, nelle zone laterali di esso, come se i muscoli fossero tesi, non o di preciso come spiegarlo; era

una cosa strana, ma comunque avvertivo dolore ed esso scompariva nel momento in cui il pene ritornava floscio.
Vi ringrazio in anticipo per il vostro aiuto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,a naso,senza poter vedere di persona,penserei ad una fimosi relativa con difficoltosa evaginazione del prepuzio sul glande...Comunque,quanto racconta,oltre alle inevitabili implicazioni psicologiche e legate alla relativa esperienza,richiede il ricorso ad una diagnosi andrologica rigorosa,eventualmente supportata da una tutela psicosessuologica.Cordialità.