Utente 909XXX
Buongiorno, a seguito di 3 gravidanze ravvicinate mi è stata riscontrata diastasi dei retti + ernia ombelicale. Sono di Torino. Il SSN nazionale mi passa l'intervento e sono in lista di attesa alle Molinette.
Non sono però ancora riuscita a capire che tipo di cicatrice avrò alla fine, se farò il taglio orizzontale o verticale e se quest'ultimo quanto sarà lungo.
Alcuni dicono che il SSN passa il taglio orizzontale a livello pubico (specie se c'è già la cicatrice del cesareo), altri no. Come faccio a regolarmi e a chiedere, magari anche cambiando struttura, che mi venga sfruttata la cicatrice del cesareo? C'è qualche struttura convenzionata in Torino? Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
la scelta del tipo di incisione non dipende da problematiche "amministrative" ma dal tipo di riparazione che dovrà essere eseguita, dalla Sua conformazione corporea e altre valutazioni tecniche per noi impossibili a distanza. Ogni Chirurgo tende in ogni caso a limitare il danno estetico al minimo necessario.
[#2] dopo  
Utente 909XXX

Iscritto dal 2008
Ah ecco. Grazie. Già questa è una risposta. Si sentono 100 versioni diverse e resta difficile per il paziente capire il cosa e il perchè. Ho 38 anni e 3 bimbi e di sicuro ormai non farò la modella, ergo non sono poi così preoccupata dell'estetica ma vorrei accertarmi di cosa succederà e del perchè...tutto qui.