Utente 909XXX
Buongiorno, a seguito di 3 gravidanze ravvicinate mi è stata riscontrata diastasi dei retti + ernia ombelicale. Sono di Torino. Il SSN nazionale mi passa l'intervento e sono in lista di attesa alle Molinette.
Non sono però ancora riuscita a capire che tipo di cicatrice avrò alla fine, se farò il taglio orizzontale o verticale e se quest'ultimo quanto sarà lungo.
Alcuni dicono che il SSN passa il taglio orizzontale a livello pubico (specie se c'è già la cicatrice del cesareo), altri no. Come faccio a regolarmi e a chiedere, magari anche cambiando struttura, che mi venga sfruttata la cicatrice del cesareo? C'è qualche struttura convenzionata in Torino? Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
la scelta del tipo di incisione non dipende da problematiche "amministrative" ma dal tipo di riparazione che dovrà essere eseguita, dalla Sua conformazione corporea e altre valutazioni tecniche per noi impossibili a distanza. Ogni Chirurgo tende in ogni caso a limitare il danno estetico al minimo necessario.
[#2] dopo  
Utente 909XXX

Iscritto dal 2008
Ah ecco. Grazie. Già questa è una risposta. Si sentono 100 versioni diverse e resta difficile per il paziente capire il cosa e il perchè. Ho 38 anni e 3 bimbi e di sicuro ormai non farò la modella, ergo non sono poi così preoccupata dell'estetica ma vorrei accertarmi di cosa succederà e del perchè...tutto qui.