Utente 204XXX
Salve, ho 38 anni e soffro di eiaculazione precoce. visitato da un andrologo, mi è stato prescritto il priligy. leggendo però il foglietto illustrativo, mi sono un po' spaventato. rischio davvero di svenire? sono un po' ansioso di carattere, anche se non ho mai sofferto di tachicardie, non sono mai svenuto e le vertigini le ho soltanto qualche volta in presenza di sbalzi netti di temperatura e soffrendo di cervicale. in passato ho preso il levitra (he mi ha aiutato a mantenere l'erezione), abbinato con una crema anestetica locale. grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

assuma il farmaco circa 1,30- 2 ore prima dell'eventuale rapporto sessuale, deglutendolo con un paio di bicchieri di acqua e stia tranquillo che il farmaco è sicuro e comunque prima di dire che non funziona deve assumerlo almeno 6-8 volte.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 204XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dottor Maretti, la ringrazio per la sua risposta. non ho dubbi che il farmaco funzioni, ho solo timore (da quel che leggo sul foglietto) di svenire prendendolo e quindi di non poterlo poi mettere in pratica. la sua risposta, però, mi sembra che escluda questa possibilità. avevo anche pensato di assumerlo una prima volta quando sono solo in modo da osservare che effetto mi fa... ancora grazie
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
l'idea di assumerlo come prova le eviterà inutili ansie, proceda e poi se vuole ci faccia sapere.

Ancora cordialità
[#4] dopo  
Utente 204XXX

Iscritto dal 2011
Salve dottor Maretti, ho utilizzato per la prima volta il priligy ed esattamente come mi aveva detto lei non ho avvertito alcun fastidio, né capogiri, né svenimenti, niente. la ringrazio. l'ho preso 1,5 ore prima del rapporto accompagnato da due bicchieri d'acqua.
purtroppo però al momento del rapporto non mi ha aiutato, l'e.p si è presentata puntualmente e in più non sono riuscito a ottenere l'erezione. forse nel mio caso l'accoppiata che ho usato in passato levitra-crema anestetica è più adatta
[#5] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
gentile Utente,
lei scrive:
"sono un po' ansioso di carattere"...

l'ansia non è la compagna migliore per la salute sessuale ed è l'elemento centrale per chi soffre di eiaculazione precoce.
Lei è giovane e da quanto scrive ha già effettuato una valutazione andrologica, il percorso di cura ottimale sarebbe quello combinato, che preveda anche la decodifica dei fattori scatenanti e di mantenimento correlati alla sua disfunzione, senza la quale la disfunzione si riproporrà immodificata nel tempo e nella coppia

E’ indispensabile, ai fini diagnostici, investigare :
il tempo oggettivo dell’eiaculazione( detto IELT) cioè il tempo di latenza dell’eiaculazione intra-vaginale( due o tre spinte o, fuori dall’ambito vaginale),
l’esperienza soggettiva della capacità di controllo,
di soddisfazione del paziente e della partner e la variabile associata alla preoccupazione
le quote d' ansia ed alle dinamiche della relazione in cui si manifesta.

Per quanto riguarda le cause, in ambito sessuologico, si parla di multifattorialità , vi sono diverse cause, a vari livelli (personali ,di coppia, iatrogeni, da cattivo apprendimento sessuale, generali, psicologici, intrapsichici......), non occuparsene sarebbe mantenere un approccio miope alla disfunzione .

Le allego qualche lettura sull'e.p.


http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1358/Eiaculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1190/Eaiculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/963/Eiaculazione-precoce-
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/3220/Eiaculazione-precoce


[#6] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

come le dicevo è indispensabile assumerlo almeno 6-8 volte prima di dire che il farmaco non funzioni e comunque risenta il suo andrologo che le chiarirà i passaggi successivi.

Un cordiale saluto