Utente 428XXX
Egregi Dottori Specialisti
approfitto della vostra disponibilità e competenza per chiedevi un consiglio, ben sapendo le limitazioni che il mezzo informatico implica e l’impossibilità di suggerire una diagnosi senza una visita diretta.
In seguito a leggeri dolori al frenulo e ad edemi del prepuzio in occasioni di rapporti, temendo una qualche forma di infezione, mi sono recato 8 mesi fa da una specialista in dermatologia e venerologia che non ha riscontrato nessuna patologia della cute e mi ha invece diagnosticato un frenulo corto, che lei consigliava di operare. La cosa mi ha un po’ meravigliato perché non ho mai lamentato particolari problemi in merito e quindi, non convinto della necessità dell'operazione, mi sono sottoposto alla visita di due andrologi per meglio inquadrare il problema. Il primo, pur confermando la diagnosi, non si è espresso circa la necessità dell’intervento, mentre il secondo, ha molto minimizzato la cosa, escludendo la necessità di ricorrere a frenulotomia o frenuloplastica. Il consiglio della dermatologa e del secondo andrologo è stato quello di applicare una crema a base di vitamina E.
Trascorsi sei mesi ho notato un leggero miglioramento dell’elasticità del frenulo ma la comparsa di una forma leggera di fimosi in fase di erezione. Ho notato inoltre un “impallidimento” di una porzione della cute del prepuzio, che ad un esame più attento si manifesta come una reticolatura di colore più chiaro e leggermente in rilievo. Temendo una qualche forma di lichen in fase iniziale, sono ricorso nuovamente alla dermatologa che però mi ha tranquillizzato escludendo alterazioni o patologie a carico del prepuzio. Mi ha consigliato una crema rivitalizzante a base di vitamina “A”, da applicare per un periodo di due-tre mesi. A distanza di un mese e mezzo, la parte interessata dal reticolo più chiaro si sta estendendo ed infittendo.
Probabilmente il mio problema è dovuto ad una perdita di elasticità, ma si possono ipotizzare altre cause? A parere vostro, è il caso che consulti un altro specialista, che più attentamente valuti questa alterazione progressiva del prepuzio?
Ho 53 anni, non fumo, non assumo alcolici né droghe, non ho diabete o altre malattie, ho condotto finora una normale vita sessuale.
Un grazie per la vostra disponibilità e squisita cortesia in un campo così delicato come quello della salute.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente, è difficile che con un trattamento medico si possa risolvere il problema del frenulo corto la cosa migliore è sottoporsi a visita urologica per valutare se esiste o meno la necessita di un intervento e se esiste un eventuale fimosi
[#2] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Gentile Lettore,
nei casi come i suoi in cui c'è un'alterazione che si manifesta prevalentemente o esclusivamente in erezione è la valutazione del paziente che orienta il medico. Se lei ha un fastidio al frenulo e/o prepuzio che si manifestano in erezione lo segnali all'andrologo che provvederà a correggere i suoi problemi.

Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2007
Egr. dott. Giuseppe Quarto e dott. Giuseppe Di Maio
Vi ringrazio per la riposta tempestiva ai miei dubbi, che probabilmente sono stati mal formulati nel mio quesito e andavano più propriamente rivolti ad uno specialista in dermatologia venerea. Posto che i due andrologi che mi hanno visitato non hanno ravvisato la necessità di un intervento chirurgico, chiedevo se l’alterazione di una parte della cute del prepuzio, che si presenta come uno sbiancamento dell’epidermide dovuta a piccoli filamenti di colore più chiaro che si dispongono a formare una specie di reticolo, possa essere la causa o il sintomo di qualche patologia, non riconosciuta nelle due visite specialistiche effettuate presso una specialista di dermatologia e venerologia. La quale, nella seconda visita, mi ha consigliato l’applicazione di una semplice crema rivitalizzante a base di vitamina “A”.
In ogni caso, un sentito grazie per la disponibilità e la sollecitudine con cui avete affrontato il mio caso, come per la competenza e sensibilità con cui rispondete ai quesiti posti in questo forum.
[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

le fornisco l'orientamento Venereologico cui necessita:

i miei dubbi, da ciò che leggo sono esattamente i suoi: in altre parole, ritengo che una situazione di neo-insorgenza con caratteristiche similari a quelle che ci descrive, debba ineluttabilmente far escludere un LICHEN SCLEROSUS in forma iniziale.

pertanto e con rinnovata fiducia riproponga lo stesso quesito in ambito dermatologico venereologico diretto per valutare questa possibilità con l'esperto di cute e mucose genitali.

cari saluti

[#5] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2007
Grazie di cuore al dott. Luigi Laino per la risposta precisa e chiarificatrice, che mi toglie certamente dei dubbi e ansie e nel contempo mi riconferma la fiducia, nonostante gli scarsi progressi, allo specialista a cui mi sono rivolto.
Un cordiale saluto ed un complimento al forume per la preziosa opera di informazione e sostegno.
[#6] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Ci tenga informati se possiamo essere di aiuto.

Cordiali saluti
[#7] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2007
Grazie dott. Giuseppe Maio per l'attenzione e sensibilità dimostrata verso il mo caso. Vi terrò sicuramente informati di nuovi sviluppi in occasione della visita di controllo già programmata fra circa un mese.
Un cordiale saluto.