Utente 102XXX
HO FATTO I TEST INALATORI A CAUSA DI PROBLEMI DI ALLERGIA E FINALMENTE SONO RISULTATO ALLERGICO ALL'ACARO. VORREI GENTILMENTE CHIEDERE SE ALLA MIA ETA' (43 ANNI) E' PIU' EFFICACE IL VACCINO ORALE O QUELLO CHE SI INIETTA. L'ALLERGOLO MI PROPONE LA SIRINGA E IL MEDICO DI FAMIGLIA DICE CHE QUELLO ORALE E' PIU' COMODO. SONO ENTRAMBI EFFICACI? MI AIUTA PER FAVORE A SCEGLIERE? SOTTOLINEO CHE NON HO MAI AVUTO PROBLEMI DI ASMA, MENTRE SONO ALLERGICO ALLA PENICELLINA. GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
non tutti i "vaccini" sono uguali: questo vale non solo per la via di somministrazione (la letteratura allergologica ha dimostrato una sostanziale equivalenza tra la sottocutanea e la sublinguale) ma anche per i vari prodotti da utilizzare per via sottocutanea e per i vari prodotti da utilizzare per via sublinguale.
Il tipo di vaccino deve essere scelto "su misura" per favorire l'ottenimento dei migliori risultati. Ad esempio, tanto per fare un esempio, se Lei è un tipo preciso e puntuale potrebbe essere più motivato (proprio dalla comodità dell'autosomministrazione) al prodotto sublinguale; viceversa se lo dimenticasse il più delle volte, allora probabilmente dovrebbe essere "costretto" alla somministrazione sottocutanea.
Saluti,